Salah, guerra di tweet

salah

La “Guerra dei Tweet”. Si gioca sui social network l’ultimo atto dell’asperrimo scontro tra la Fiorentina e Mohamed Salah. In campo, è sceso addirittura il consigliere di amministrazione viola, Paolo Panerai, figura molto vicina alla famiglia Della Valle, non nuovo a veri e propri strali lanciati attraverso la rete. “Toni, Mutu, Galliani sanno che la Fiore fa sempre onorare le firme. Lo sa Montella. lo saprà Salah. Lo sa ora l’Inter che provò già con Toni”, esordisce Panerai, che è un vero e proprio fiume in piena. “Caro Giovanni (Malagò), Salah è la goccia per commissariare. Non si può più tollerare che le firme e i regolamenti (art.18) valgano meno di 0”, prosegue, rivolgendosi al presidente del Coni, prima di scagliarsi con veemenza contro l’Inter. “Se le società del calcio dovessero rispettare la trasparenza, l’Inter sarebbe già retrocessa. Che soldi sono, di chi, a partire dalle Cayman? – l’affondo del fondatore di Class Editori -. Platini sa che l’Inter è fuori dalla legge del fair play. Per Salah e gli altri acquisti milionari. È l’occasione per una iniziativa esemplare”.

SALAH — In precedenza, era sceso in campo l’egiziano, che, dopo la rottura provocata dalle parole del suo agente e la risposta ufficiale della Fiorentina, la controrisposta dell’avvocato Ramy e la decisione del club viola di diffidare l’Inter dal proseguire i contatti con lui, ha deciso di rivolgersi direttamente ai tifosi viola, attraverso il suo profilo Twitter. “Grazie per apprezzarmi in questo modo”, ha scritto Salah, questa notte, alle 1.44, provocando una pioggia di richiesta di spiegazioni da parte dei supporters della Fiorentina. Soltanto ad uno, in arabo, però, l’attaccante ha replicato. “Non sempre quello che dicono i rumors dei media è credibile. Rispetto la Fiorentina e non voglio parlare adesso”. Come la Sfinge, insomma, Salah continua a risultare enigmatico, non facendo chiarezza su una situazione che, oltre che sul mercato della Fiorentina, rischia di incidere negativamente anche sulle sue prospettive di carriera.

IL COMUNICATO — L’ennesimo colpo di scena di questa storia arriva alle 23.11 quando con una nota la Fiorentina prende le distanze dalle dichiarazioni di Panerai. Si legge: “In merito alle affermazioni del consigliere di amministrazione Dott. Panerai, ACF Fiorentina precisa che si tratta di considerazioni a carattere personale non concordate con la società”
GAZZETTA DELLO SPORT