Real e Psg su Pogba «Parlo a fine stagione»

pogba_paul_juve

Basta poco, a volte, per far preoccupare moltissimi tifosi. Basta una frase sincera e pronunciata senza malizia per spiegare quello che potrebbe succedere tra qualche mese. Soprattutto se non è la prima volta che se ne parla. Che Paul Pogba possa lasciare la Juve l’ha detto per primo Andrea Agnelli qualche mese fa: «Se arrivasse un’offerta molto ricca, non avremmo la forza di trattenerlo». Il giocatore, invece, non si era mai esposto lasciando che del suo futuro si occupasse solo il procuratore Mino Raiola. Ieri, però, in un’intervista a Telefoot, Pogba ha cominciato ad affrontare l’argomento, sebbene senza entrare nei dettagli e soprattutto senza svelare le sue ambizioni: «Va tutto molto bene alla Juventus – ha detto il francese –. Io voglio restare concentrato sul campo. Quando la stagione sarà finita, allora potrò dire la mia liberando il mio pensiero e aprirmi».

La replica di Marotta Nulla di drammatico, per carità, e infatti a Catania Beppe Marotta ha prontamente tranquillizzato i tifosi: «Assolutamente non si devono preoccupare. Sono dichiarazioni rilasciate in occasione della partita giocata con la Francia e quindi si riferiscono al 5-6 di marzo. Nella traduzione probabilmente non è stato reso il significato giusto: Pogba ha detto semplicemente che di questioni legate al futuro preferisce non parlarne ma invece vuole concentrarsi sui fatti che riguardano la Juventus e impegnarsi al massimo da qui a fine campionato».

Le grandi offerte In realtà queste parole di Pogba unite al rallentamento della trattativa per il rinnovo fino al 2018 fanno crescere le speranze di Paris St.Germain e Real Madrid. La posizione dei dirigenti bianconeri è chiara da tempo: nessun campione parte se non è lui a chiederlo esplicitamente. Ma Pogba, seppure non ufficialmente, sa che a Parigi e a Madrid andrebbe a guadagnare 8 milioni all’anno e in corso Galileo Ferraris sono consapevoli delle difficoltà a trattenere un giocatore che in un’altra squadra percepirebbe il doppio dello stipendio. In questo momento Paul preferirebbe il Real, che però offrirebbe alla Juventus circa 35 milioni cash più due contropartite (nel mazzo in cui scegliere ci sarebbero Di Maria e Morata) mentre i francesi arriverebbero a 75 milioni. Una cifra con la quale la Juve potrebbe comprare almeno tre grandi giocatori e portare avanti il progetto, anche se è difficile rinunciare a un giovane campione come Pogba.

GAZZETTA DELLO SPORT