Nasa, l’annuncio: «Nello spazio c’è un altro pianeta Terra»

NUOVA_TERRA-Kepler-452b

Un altro passo avanti nella scoperta del gemello della Terra. Il satellite Kepler dellaNasa ha rilevato la presenza del pianeta extrasolare Kepler-452b distante 1400 anni luce dalla Terra nella costellazione del Cigno. Per il momento si tratta di un «cugino» della Terra perché ancora non ha tutte le caratteristiche del nostro globo azzurro. Ma ne ha alcune molto importanti che lo rendono un possibile concorrente finale tra una dozzina di candidati. Innanzitutto sembra roccioso e si trova nella «zona abitabile» cioè ad una distanza giusta dalla stella madre per cui l’acqua potrebbe scorrere in superficie.

Rotazione

Il dato nuovo rispetto ad altri pianeti già trovati in zona abitabile è che questo è separato dalla stella madre da poco più (5 per cento in più) di 150 milioni di chilometri che è la distanza che separa la nostra Terra dal Sole. Così le ruota intorno in 385 giorni (poco più del nostro anno terrestre). Mai era stato trovato finora un pianeta tanto coincidente con noi per questo aspetto.

Astro più vecchio

Kepler 452b è però più grande del nostro globo del 60 per cento, quindi è semmai una super-Terra. L’astro-madre è invece un po’ più vecchio del Sole però è più brillante (20 per cento) ed ha pure una taglia maggiore del 10 per cento. Ma se è rimasto da tanto tempo nella zona giusta e se davvero ci fosse acqua in superficie si può fantasticare qualcosa a proposito della possibilità che anche lassù possa essersi accesa la vita.

La luce

L’esistenza del pianeta è stata trovata misurando l’attenuazione della luce della stella attorno a cui gira. Ora si stanno costruendo satelliti che forse entro una decina d’anni potrebbero arrivare anche a vederli e fotografarli. I soggetti nella nostra galassia Via Lattea sono tanti. Quelli scoperti sono 5.540 e 18.77 sono stati confermati, ma la maggior parte sono giganti e gassosi.

CORRIERE DELLA SERA