Napoli, pressing su Emery: offerto un triennale da 3,5 milioni

De-Laurentiis

Il contatto è avvenuto, la risposta arriverà nei prossimi giorni. Aurelio De Laurentiis rientra dal viaggio lampo di stamani a Madrid con un primo approccio interlocutorio con Unay Emery ed il suo entourage. Il presidente del Napoli, accompagnato nella capitale spagnola da Andrea Chiavelli, ha incontrato l’agente dell’allenatore del Sevilla (non ci sono conferme sul fatto che lo stesso tecnico fosse presente), mettendo sul piatto un contratto triennale da circa 3,5 milioni di euro a stagione. Emery, per bocca del suo rappresentante, si è riservato di dare una risposta a breve, forse già domani.

REPLICA GELIDA — Il problema del tecnico del Siviglia è che non può decidere in autonomia: il suo contratto con il club andaluso scade, infatti, nel 2016. E, dalla squadra biancorossa, non sembrano entusiasti all’idea di vederlo andare via. “Il nostro allenatore ha un anno di contratto e credo che lo rispetterà, è una persona intelligente e di parola, ha sempre mantenuto le promesse che ha fatto – ha rassicurato i supporters sivigliani il presidente del club, José Castro -. Faremo investimenti importanti per regalargli una rosa di livello, i tifosi possono stare tranquilli”

LA GIORNATA — De Laurentiis era partito, su un volo privato, di mattina presto, per provare a rilanciare il progetto Napoli all’alba del fallimento di questa stagione. Il patron azzurro, in compagnia di Andrea Chiavelli, si era diretto a Madrid per incontrare Unai Emery, tecnico del Siviglia vincitore per due anni di fila dell’Europa League. Emery era di rientro in Spagna dopo l’amichevole giocata e persa ieri 2-1 dal Siviglia ad Agadir, in Marocco. I contatti con il Napoli sono diventati fitti negli ultimi giorni, prima però che il club azzurro venisse estromesso dalla prossima Champions a causa della sconfitta contro la Lazio. Ecco perché la trattativa con Emery non si annunciava facile già in partenza.

La Gazzetta dello Sport