Napoli, per Insigne allarme controllato. De Laurentiis: “Il suo rientro non è dipeso da noi”

FINALE COPPA ITALIA 2014 FIORENTINA NAPOLI

Un allarme controllato. Lorenzo Insigne ha lasciato in mattinata il ritiro della nazionale a Coverciano per i problemi al ginocchio destro, ma il Napoli non è preoccupato. L’attaccante arriverà nelle prossime ore in città e domani sarà al centro tecnico di Castel Volturno. Lo staff medico azzurro valuterà le sue condizioni, ma la situazione non dovrebbe essere grave. Insigne ha subito due colpi durante la gara con il Milan e si è creato un piccolo edema dopo l’allenamento di lunedì che probabilmente avrebbe dovuto evitare. Da qui, dunque, la decisione di fermarsi ai box anche su richiesta del presidente De Laurentiis che non vuole correre rischi con il suo gioiello in un momento decisivo della stagione. Il programma di recupero sarà definito nei prossimi giorni: probabilmente farà un po’ di piscina e terapie riabilitative fino alla settimana prossima, quando intensificherà il ritmo in vista della sfida con la Fiorentina. “Abbiamo preferito non rischiare – ha spiegato uno dei suoi procuratori, Antonio Ottaiano – e quindi sarà a disposizione del Napoli. Sarà affidato alle cure del dottor Alfonso De Nicola che l’aveva già visitato domenica sera”. La squadra, intanto, ha ripreso oggi la preparazione agli ordini di Maurizio Sarri che dovrà rinunciare agli otto nazionali nella settimana della sosta.

Sulle polemiche derivanti dal forfait è intervenuto anche il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis: “Ieri è stata fatta un’aspirazione di liquido dal ginocchio di Insigne, questa è la realtà e non c’è nessuna ‘volontà’ del Napoli. Quello che dicono i medici della Nazionale ha valenza ed ufficialità – ha spiegato il patron ai microfoni di ‘Radio Blu Toscana’ – affermo questo perché so che il medico della Nazionale stessa ha chiesto l’autorizzazione al nostro staff poiché, stante gli interventi subiti nella precedente partita, il giocatore aveva forzato nell’allenamento con l’Italia e gli si era gonfiato il ginocchio. In questo Paese si fanno solo polemiche su polemiche, quando si dovrebbe pensare maggiormente ai fatti”.

LO STADIO – Il Napoli sta aspettando il rinnovo della convenzione che regolerà i rapporti con il Comune fino al termine della stagione. “Abbiamo una dichiarazione d’intenti da parte dell’Amministrazione – ha spiegato l’head of operations Alessandro Formisano – per utilizzare l’impianto fino al 30 giugno 2016. Ovviamente aspettiamo novità per quanto riguarda l’accordo ponte. L’altra scadenza importante è quella del 31 ottobre, quando il Comune dovrà pronunciarsi sul progetto in merito alla ristrutturazione del San Paolo. Il tema della sicurezza? Gli interventi sono stati effettuati. Il sistema di video-sorveglianza non ha problemi e i tornelli sono funzionanti. Non ci sono problemi in vista della gara con la Fiorentina.

LA NUOVA TESSERA DEL TIFOSO – Il Napoli ha presentato la Fan Stadium Card che sostituisce tutte le precedenti tessere dedicate ai sostenitori azzurri. Potrà essere sottoscritta da domani e sostituirà quella in scadenza. Consentirà di acquistare i biglietti per le partite, anche quelle in trasferta, con la procedura on-line.

La Repubblica