Mazzarri umilia Mourinho

Mazzarri

Il solito Mourinho. Perde e se la prende con l’arbitro. Questa volta l’indice dello Special One è puntato sul signor Michael Oliver, reo secondo il portoghese di aver sbagliato in occasione del primo gol del Watford. La verità è che il Manchester United ha perso le ultime tre partite disputate ed è in crisi. Sia di risultati sia di gioco. Raggiante, invece, Walter Mazzarri. Con il successo per 3-1 sui Red Devils la sua squadra ha ora sette punti in classifica. «Sono contento per i nostri tifosi che aspettavano da anni una soddisfazione come questa».

Rilassato per l’insperata vittoria, il tecnico del Watford svela anche un curioso retroscena pre-partita: «Con Mourinho è tutto a posto. Abbiamo parlato per quaranta minuti e ora, impegni permettendo, ci incontreremo anche in privato». Intanto i tifosi del West Ham United, sconfitto sabato in trasferta dal West Bromwich Albion 2-4, hanno già scaricato Zaza. L’ex-juventino, sostituito da Bilic per scarso rendimento durante l’intervallo, è stato bersagliato sui social dai supporter degli Hammers. «Altro che 25 milioni di sterline per riscattarlo, io non lo pagherei nemmeno 25 centesimi», uno dei commenti più eloquenti. E poi tanti insulti, anche troppi per un ragazzo comunque appena sbarcato Oltremanica. Sempre l’altro ieri, invece, oltre al City a valanga sul Bournemouth (4-0 e primo posto solitario in classifica) è tornato al successo il Leicester City di Claudio Ranieri. Al King Power Stadium, 3-0 al Burnley e doppietta del nuovo acquisto Slimani. «Una vittoria importante che conferma i progressi. Dopo quello in Champions League contro il Brugge, questo successo ci voleva proprio. Abbiamo giocato bene, i ragazzi hanno interpretato perfettamente la gara» ha dichiarato il manager italiano al termine dell’incontro. Il big match del quinto turno era Chelsea-Liverpool e si è disputato venerdì. La debacle di Conte, alla prima sconfitta in Inghilterra, ha regalato invece a Klopp la terza vittoria su quattro incontri con le big (successi anche con Arsenal e Leicester City, pareggio con il Tottenham).

«Non è una mia sconfitta, – ha detto l’ex ct della nazionale italiana nella conferenza stampa post-match – ma di tutto il pianeta Chelsea. Dobbiamo riflettere su questa partita se non vogliamo ripetere quanto accaduto nella scorsa stagione». Prossimo turno tutto da seguire, con il Manchester United che sabato ospiterà il Leicester City nel «lunch time match» e il sentitissimo derby di Londra tra Arsenal e Chelsea in programma lo stesso giorno alle 18.30.

IL TEMPO