Mazzarri: “Conta solo vincere. Esonero? Mai posto il problema”

mazzarri57-640-360

Ripartire dalla Francia, perché lo stop di Parma resti solo un episodio e non l’inizio di un ennesimo periodo difficile. L’Inter d’Europa è ancora imbattuta e guida la classifica del suo girone, ma l’aspetta una trasferta non delle più semplici: “Abbiamo rispetto per il Saint-Etienne – esordisce Mazzarri -. E’ una squadra d’alto livello, specialmente sul piano atletico. Sono un gruppo completo sotto ogni aspetto, si portano velocemente in avanti. Sappiamo che domani giocheremo in uno stadio molto caldo, Guarin (che al Saint Etienne ha giocato dal 2006 al 2008, ndr) ci ha avvisati”.

L’Inter è il padrone del girone, e i francesi si giocheranno molte delle loro possibilità di passare il turno contro i nerazzurri: “Qualunque squadra dà il 120% contro di noi – ammonisce il tecnico -, mi auguro che anche i miei uomini facciano altrettanto domani, ho chiesto ai ragazzi che devono dare tutto al di là della volontà degli altri”. Semplice e incisivo il punto di vista del tecnico: “Noi siamo l’Inter e ci interessa solo un risultato: la vittoria”, che per i nerazzurri significherebbe anche qualificazione.

CRITICHE — Mazzarri torna poi sulle critiche che accompagnano la sua avventura all’Inter: “Il metodo che uso per allenare è lo stesso da sempre: con i miei calciatori faccio il padre di famiglia, uso il bastone e la carota. A volte mi arrabbio, a volte faccio i complimenti. Io mi comporto sempre allo stesso modo e le critiche non mi spostano. Mi concentro su quello che c’è da fare e sul farli rendere al massimo. Il resto non mi interessa” ammonisce severamente Mazzarri.

RISCHIO PANCHINA — Ancora dubbi su formazione e giocatori disponibili: “Abbiamo convocato Osvaldo, Nagatomo e Guarin che erano indisponibili. Siamo in emergenza totale, non ci sono neppure Hernanes, Campagnaro e Krhin. Non so ancora chi giocherà”. In Francia si dice che la panchina del tecnico sia a rischio: “Non mi sono mai posto il problema. Io alleno i giocatori sempre al massimo, sanno quello che vogliono e loro cercano di farlo. Lo faranno anche domani” chiosa Mazzarri.
GAZZETTA DELLO SPORT