Liga, l’Atletico stende il Real Madrid al Bernabeu

DERBY_MADRID

L’Atletico Madrid sorprende il Real al Santiago Bernabeu nella terza giornata della Liga. Finisce 2-1 per gli uomini di Diego Simeone ed il risultato consente al Barcellona di guidare da solo la classifica a punteggio pieno, grazie al successo pomeridiano (2-0 con doppietta di Neymar) sull’ Athletic Bilbao. I campioni di Spagna salgono a 7 punti, mentre i campioni d’Europa incassano il secondo ko in campionato e restano a 3, già -6 dai blaugrana.

L’Atletico va in vantaggio al 10’ con Tiago, il Real pareggia al 26’ con un rigore che Cristiano Ronaldo prima si procura (fallo di Siqueira) e poi trasforma. Ma al 32’ della ripresa Arda Turan fissa il risultato sull’1-2. Fatali alla formazione di Ancelotti alcune amnesie difensive, specialmente sui calci piazzati, specialità dei “Colchoneros”. Come al 10’ quando la punizione di Koke ha colto libero Tiago per l’1-0, con Casillas non attentissimo. Lo stadio da quel momento ha cominciato a fischiare il proprio capitano e portiere ad ogni tocco di palla. Ronaldo, al rientro dopo tre settimane di stop per un problema alla gamba sinistra, ha riaperto la partita con il rigore.

Trovato il pari il Real dà il meglio della serata, ma si trova davanti un grande Miguel Angel Moya. Il portiere sventa prima una punizione di Gareth Bale (24’), poi un colpo di testa di Benzema (40’). L’attaccante francese dopo un’ora di gioco cede il posto al messicano “Chicharito” Hernandez, all’esordio con il Real Madrid, ma senza lasciare il segno.

Ben altro peso hanno i cambi decisi da Simeone, ancora in tribuna per squalifica. Il tecnico argentino inserisce Griezmann e Arda Turan. Ed a poco meno di un quarto d’ora dalla fine i due entrano nell’azione vincente: il francese lancia Juanfran sulla corsia di sinistra ed il cross è ben sfruttato dall’attaccante turco, libero di battere Casillas per la seconda volta. Il Real affonda ed il Barcellona si gode il suo mini-break.

LA STAMPA