La Lazio punta Ogbonna

Ogbonna

Incontro a Milano per Ogbonna, è andato in scena due giorni fa: Lotito ne ha parlato con Agnelli a margine dell’Assemblea di Lega, l’asse Roma-Torino è bollente, gli intrecci di mercato sono infiniti e ricchi di colpi di scena. In ballo c’è anche la situazione legata alla cessione di Lulic (ha già l’accordo con i bianconeri), alla Lazio serve a tutti i costi un centrale di livello per rinforzare la difesa del prossimo anno, lo juventino risponde perfettamente alle caratteristiche richieste da Reja alla società: lo scambio (più conguaglio a favore dei biancocelesti) può andare in porto. Adesso si lavora sulle valutazioni, ma l’idea è concreta e affascina tutte le parti in causa. L’ex Toro è diventato improvvisamente l’obiettivo numero uno, ha scavalcato i vari Hinteregger e Rever, ed è piombato in cima alla lista del diesse Tare: si tratterebbe di un acquisto di sicura affidabilità, pronto e abituato al calcio italiano. Proprio quello che serve per ripartire, di scommesse ne sono state fatte troppe, la Lazio non può più sbagliare.

L’alternativa principale resta Davide Astori del Cagliari. I due club sono in contatto, per il giocatore la Capitale rappresenta una destinazione gradita (la fidanzata è romana), ma non esiste ancora una vera e propria trattativa. Qualora dovesse saltare l’affare Ogbonna, allora Lotito potrebbe puntare forte – con un’offerta di 8 milioni di euro più un giovane della Primavera – sul centrale classe ’87. Astori ha un contratto in scadenza 2015, può arrivare a costo ridotto, pretende il salto di qualità e sogna di giocare in Europa. Proprio per questo motivo la concorrenza è agguerrita: Tottenham e Roma lo seguono con attenzione, hanno la possibilità di sborsare cifre più importanti, la Lazio dovrà sbrigarsi nel tentativo di chiudere in anticipo.

Centrocampo: continua la caccia all’esterno destro, con la Juventus si è parlato anche di Isla. In quel ruolo sarà necessario l’acquisto di un titolare, Konko ha dimostrato di non poter giocare più di 20 partite a stagione, tra i candidati rientra con insistenza il nome di Hysaj dell’Empoli. Poi verrà presa una mezz’ala, piace Rakitic del Siviglia ma costa troppo (20 milioni di euro), occhio a Balazs Dzsudzsák della Dinamo Mosca, esterno d’attacco ungherese. C’è il pressing del Benfica, il ds del club russo ha aperto alla cessione: «Non avevamo intenzione di separarci da lui, ma se arrivasse una buona offerta la prenderemo in considerazione». In attacco è fatta da settimane per Djordjevic, ma un’altra punta dovrebbe arrivare (è tornato di moda Abel Hernandez del Palermo). Klose è a un passo dal rinnovo, verrà ufficializzato a breve, così come quello di Keita. Per Candreva è stato raggiunto l’accordo con l’Udinese, a giorni inizierà a parlare con Lotito per un netto adeguamento contrattuale. Perea andrà in prestito, Felipe Anderson potrebbe rimanere un altro anno. Rinnovi spinosi: Mauri è in trattativa, ma resta in bilico. Dias andrà via, Biava continua a riflettere sulla proposta dell’Atalanta, a breve comunicherà la sua scelta. Marchetti è in partenza, può andare all’Arsenal.

IL TEMPO