Khan ha vinto, è il nuovo sindaco di Londra

SADIQ

Il laburista Sadiq Khan, 45enne di origine pachistana e religione musulmana, è il nuovo sindaco di Londra. Lo riferisce Sky News, secondo cui Khan ha battuto il candidato conservatore Zac Goldsmith, ponendo fine a otto anni di governo tory della capitale britannica. Khan avrebbe ottenuto il 44% dei voti, contro il 35% di Goldsmith.

Khan, figlio di un autista d’autobus, ha costruito la sua scalata partendo da una casa popolare di Tooting, alla periferia sud occidentale di Londra. Laureato in legge, con una specializzazione in diritti umani, nel 2005 è diventato deputato, proprio per il collegio di Tooting. Dopo l’uscita di scena di Gordon Brown, Khan è stato fra i principali sostenitori della campagna di Ed Miliband per la leadership laburista. Ministro ombra della Giustizia, ha lasciato quell’incarico all’inizio dell’anno per dedicarsi alla campagna elettorale.

A lui si è affidato il Labour per confermarsi primo partito a Londra e grazie a lui è stata mitigata la delusione arrivata dai risultati delle elezioni amministrative, che hanno visto crollare il partito in Scozia. Per Khan, più che i trasporti, inevitabile terreno di promesse per qualsiasi candidato a sindaco di Londra, la sfida è la casa, porre rimedio alla ormai cronica penuria di alloggi pubblici o a prezzi sostenibili per una crescente fetta di londinesi. Ha promesso almeno 50mila alloggi in più all’anno e al di là dei proclami elettorali, l’emergenza è reale e sentita da centinaia di migliaia di cittadini a reddito basso o medio basso.

L’appartenenza religiosa di Khan, come era inevitabile, è diventata in maniera più o meno strisciante, argomento di campagna elettorale. Ultimo episodio in ordine di tempo, lo ‘scivolone’ più o meno consapevole con il quale lo sfidante conservatore Zac Goldsmith ha accostato il suo rivale agli attentati islamisti a Londra del luglio 2007.

Schermaglie alle quali il nuovo sindaco di Londra ha saputo rispondere con intelligenza, ad esempio, lui musulmano, condannando apertamente l’ex sindaco Ken Livingstone per i commenti antisemiti di qualche giorno fa e promettendo alla comunità ebraica di impegnarsi a fondo per combattere i rigurgiti di antisemitismo che a tratti affiorano nel Labour.

ADNKRONOS