Juventus Roma

Antonello Angelini

Juventus Roma finisce 3-2. E poi le polemiche. Metti telecronisti e giornalisti giallorossi e una partita con errori da tutte e due le parti la fai diventare lo scandalo degli scandali. Chapeau!! Alla Roma mediaticamente non sono secondi a nessuno. Li’ vincono sempre lo scudetto. Sotto le mentite spoglie di giornalisti riescono a infilare tifosi in ogni testata. Ed ecco che il rigore su Marchisio e conseguente rosso scompare dalle moviole, un errore di 3 cm diventa un errore gravissimo e il rigore su Pogba diventa dubbio quando dubbio non è. Che dire degli altri episodi? Morata non andava espulso invece diventa un rosso chiarissimo.Totti finisce a terra in reciproche scorrettezze ed è rigore solare. E la Juventus negli ultimi 20 minuti fa 4 palle gol la Roma zero, ma la Roma ha dominato per tutti i media. 20 tiri in porta contro 8, tiri nello specchio 5 contro 2. 20 cross contro 9. Il 66,7% dei contrasti aerei vinti. Non sembra il dominio giallorosso che leggiamo sui giornali. Cesari su Mediaset e la Gazzetta dicono per primi «gol di Bonucci regolare per la nuova interpretazione FIFA». Uno juventino che si appella alla Gazzetta, incredibile, un assurdo direi. Mi chiedo perchè la Roma finisca sempre in 10 a Torino anche quando non c’ è storia. La spiegazione è tutta nella partita di ieri. Marchisio atterrato in area, arbitro non fischia. La Juve gioca. Decisione opposta proteste, sceneggiate e crisi isteriche. Ecco, la differenza sta nei nervi non nei piedi dei giocatori. La Juve perde 2 anni fa con errore di Rocchi che non ha il coraggio di espellere Totti. Roma Juve 1-0. Nessun sistema viene invocato. Anno scorso in Coppa Italia Benatia non espulso, gol di Peluso annullato, nessuna polemica. A parti opposte persino un 3-0 come quello scorso lascia polemiche e Totti o De Sanctis dopo parlano di aiutini o sistema. Abbiamo contato per gioco i giornalisti giallorossi nelle tv nazionali . Ne abbiamo trovati almeno 30. Juventini 3. Strano o no? Nella carta stampata la proporzione è anche peggiore. Si chiama condizionamento o no? Ecco dove la Juventus arriva sempre ultima. Fuori dal campo non sanno né attaccare né difendere. In campo si. L’ area diventa 17 metri a Torino, non quando la Roma rubacchia un rigore a Milano. E allora avanti con le interrogazioni parlamentari.

Antonello Angelini
Il Tempo