In Italia 4 milioni di ultra 80enni (siamo il Paese più vecchio dell’Ue)

anziani

L’Italia è il Paese più vecchio d’Europa: è quello in cui risulta più elevata in assoluto la quota di persone con più di 80 anni. Secondo Eurostat, l’ente di statistica comunitario, si contano quasi 4 milioni di ultra ottantenni nella penisola, 3 milioni 977 mila pari che corrispondono al 6,5 per cento della popolazione totale, a fronte del 5,3 per cento della media europea. Nell’insieme dell’Unione a 28 gli ultra ottantenni sono 26,7 milioni. Paraltro nella penisola questa percentuale è cresciuta anche più della media Ue. Nel 2005, riporta infatti Eurostat, gli ultra ottantenni in Italia erano il 4,9 per cento, quindi in 10 anni si è verificato un aumento di 1,6 punti. Per la media Ue il 5,3 per cento del 2015 va raffrontato al 4 per cento del 2005: l’incremento è stato di 1,3 punti percentuali. La distribuzione per sesso degli ultra ottantenni risulta marcatamente sbilanciata a favore delle donne in maniera piuttosto analoga nei vari Paesi: in media due ultra ottantenni su tre sono di sesso femminile, il 64,6 per cento. In Italia le donne sono il 64,4 per cento. Sempre secondo l’ente di statistica comunitario continua a crescere la speranza di vita: all’età di 80 anni in media nell’Ue è di campare altri 9,5 anni, 8,5 anni per i maschi e 10,2 anni per le femmine. In media la speranza di vita a 80 anni è cresciuta di 1,1 anni nell’ultimo decennio (2004-2014 in questo caso). In Italia, infine, a 80 anni la speranza di vita media è 10 anni, la quarta più elevata dopo Francia, Spagna e Lussemburgo. Risulta di 8,8 anni per gli uomini e 10,9 anni per le donne ed è cresciuta di 1,1 anni nell’ultimo decennio.

ASKANEWS