Il Milan perde l’attimo

el_shaarawy

Un bel pareggio che non serve a nessuno: Milan e Fiorentina si dividono la posta in palio dopo una sfida giocata a ritmi vertiginosi. I rossoneri si fanno preferire nella prima parte, meglio la squadra di Montella nella ripresa. Fallisce così l’aggancio dei rossoneri al terzo posto.

La partita è combattuta, si gioca con grande intensità a discapito della precisione: in mezzo al campo tanti errori, da una parte e dall’altra. In avvio ci prova Menez con una conclusione che termina sopra la traversa. La Fiorentina si difende con ordine, e di tanto in tanto riparte. Cuadrado e De Sciglio battagliano su ogni pallone, dall’altra parte Tomovic ed El Shaarawy non si risparmiano. Honda salta col gomito alzato e colpisce Alonso allo zigomo: il giocatore viola rimedia una ferita lacero-contusa, l’arbitro Banti assolve il giocatore giapponese assolvendolo per un intervento che avrebbe meritato almeno il cartellino giallo.

Tanto gioco e poche conclusioni. Neto vola all’incrocio dei pali per togliere una conclusione di El Shaarawy, ma l’intervento plastico è vanificato dalla segnalazione di fuori gioco del milanista. Partita in equilibrio, almeno fino al 25’: angolo battuto da Menez, sponda di Zapata, e incornata vincente di De Jong che anticipa la retroguardia viola. Milan uno, Fiorentina zero.

I viola sfiorano il pareggio con Kurtic che minaccia Abbiati con un destro che esce a fil di palo. In avvio di ripresa il Milan va vicino al raddoppio con Menez: il francese parte da destra, si accentra e calcia col sinistro impegnando Neto. Dall’altra parte ci prova Aquilani – con un sinistro dalla distanza – che Abbiati blocca in presa plastica.

La Fiorentina spinge sull’acceleratore alla ricerca del pareggio, il Milan ora è costretto a difendere il proprio fortino. I rossoneri sono comunque pericolosi sui calci piazzati: Alex svetta di testa, Neto è reattivo. Sul rovesciamento di fronte la Fiorentina pareggia: al 65’ Ilicic conquista palla sulla trequarti, punta a rete e batte col sinistro infilando Abbiati.

La formazione di Montella paga i ritmi vertiginosi e la partita infrasettimanale di Europa League, ma tiene l’1-1.

IL TEMPO