Dl Cultura: dall’art bonus al tax credit cinema, le nuove misure

Pompei

Un “art bonus” per favorire il mecenatismo; degli interventi mirati per l’annosa questione delle fondazioni lirico-sinfoniche; l’innalzamento del tax credit per il cinema; nuovi crediti d’imposta per la ristrutturazione edilizia e l’ammodernamento delle strutture ricettive, ma anche la trasformazione dell’Enit in ente pubblico economico, la liquidazione di Promuovi Italia e degli stanziamenti per le attivita’ culturali nelle periferie. Sono le principali misure contenute nel decreto legge Cultura e Turismo approvato oggi dal Cdm.

Per quanto concerne la prima, cioe’ il cosiddetto “art bonus”, il provvedimento specifica che coloro che donano una somma “per interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici, per il sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura pubblici o per la realizzazione di nuove strutture o il restauro e il potenziamento delle fondazioni lirico-sinfoniche e dei teatri pubblici possono beneficiare di un credito di imposta al 65 per cento per gli anni 2014 e 2015 e al 50 per cento per il 2016.
Il credito d’imposta – si legge ancora – e’ ripartito in tre quote annuali di pari importo”.

In merito alle fondazioni lirico-sinfoniche, il decreto prevede un incremento di 50 milioni di euro per il 2014 per il fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti trentennali alle fondazioni che hanno presentato il piano di risanamento”. Inoltre, si legge nel provvedimento, “l’eventuale personale in esubero delle fondazioni lirico-sinfoniche che, in deroga alla riforma Fornero, rientri nel quinquennio antecedente alla maturazione dell’anzianita’ massima contributiva di 40 anni potra’ essere esonerato dal servizio con retribuzione pari al 50 per cento di quella complessivamente goduta, elevabile al 70 per cento se durante tale periodo si svolge servizio esclusivo e continuativo di volontariato documentabile.

Il personale che risulti ancora eccedente e’ assunto dalla societa’ Ales SpA”. Per quanto riguarda il capitolo cinema, “al fine di attrarre investimenti esteri in Italia nel settore della produzione cinematografica, il limite massimo del credito d’imposta per le imprese di produzione esecutiva e le industrie tecniche che realizzano in Italia, utilizzando mano d’opera italiana, film o parti di film stranieri e’ innalzato da 5 a 10 milioni di euro”. E lo stanziamento per le agevolazioni fiscali al cinema e agli audiovisivi aumenta di 5 milioni di euro, passando da 110 a 115 milioni.

Per sostenere il turismo e favorire la digitalizzazione del settore, il decreto introduce dei crediti d’imposta del 30 per cento per la ristrutturazione edilizia e l’ammodernamento delle strutture ricettive e per le spese sostenute negli anni 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018 per svariati acquisti, tra cui quelli di siti e portali web; di programmi informatici e di App per la promozione delle strutture, dei servizi e del territorio. Tra le novita’, anche l’eliminazione del limite dei 100 milioni per investimenti in favore dei beni culturali e il ripristino del 3 per cento delle risorse aggiuntive previste per opere infrastrutturali. Di questo 3 per cento, 3 milioni di euro annui sono destinati a finanziare progetti di attivita’ culturali promossi dagli enti locali nelle periferie urbane.

Il decreto prevede infine delle semplificazioni per il Grande Progetto Pompei, il commissariamento della Reggia di Caserta e l’individuazione dei requisiti necessari per ottenere le abilitazioni specifiche per le guide turistiche nei siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico.

AGI