Countdown “taroccato”: La voglia di bruciare il brindisi Mediaset

Rai: sede di roma

E adesso ne vedremo delle belle nei Tribunali di Roma. Penali, civili e del lavoro. La Rai già passa al setaccio gli sms che Azzalini ha ricevuto o scritto con il telefonino aziendale in quel fatale 31 dicembre 2015. In cerca di che cosa? Invece Azzalini – che si opporrà al licenziamento davanti al giudice del lavoro – valuta se contestare a Campo Dall’Orto anche un “abuso di diritto”, in sede penale.

Lo scontro legale tra Viale Mazzini e il dirigente silurato è già partito. E la tv di Stato lavora alla carta Gigi D’Alessio. L’artista napoletano, quel 31 dicembre, conduceva lo spettacolo di Capodanno in onda sia su Canale 5 sia su Rete 4. D’Alessio e Azzalini si conoscono da anni e sono in rapporti confidenziali. Ora la Rai è curiosa di capire se il cantante o altre figure di Mediaset abbiano inviato ad Azzalini degli sms – anche solo scherzosi – che minacciavano l’anticipo del conto alla rovescia su Canale 5 e Rete 4. Obiettivo di questi controlli è verificare se Azzalini abbia taroccato il suo countdown su RaiUno dopo aver abboccato alle provocazioni della concorrenza.

La televisione pubblica ha acceso un faro anche sulla trasmissione di due anni fa, in diretta dalle nevi di Courmayeur e curata già allora da Azzalini come responsabile dell’Intrattenimento della Prima Rete. Quella notte ci fu un anticipo del brindisi, ma irrilevante. Due secondi, e nessuno ci fece caso. La Rai, però, si chiede se anche il 31 dicembre 2014 Azzalini fu tentato di intervenire sull’orologio in modo più vistoso; e se il suo proposito
fu fermato dai tecnici della tv di Stato, indisponibili a procedere senza ordini scritti.

La Repubblica