Calciomercato Roma, Sabatini: «Champions? Mercato non cambia»

WALTER SABATINI

“Il rammarico per l’uscita dalla Champions League è consistente e aumenta di minuto in minuto, ma ora è finita. Dobbiamo capire la sconfitta, metabolizzarla e trasformarla in energia positiva“. Ripartire, è questa la parola d’ordine in casa Roma. Il ds Walter Sabatini non nasconde la delusione dopo il ko col Manchester City ma, a margine della cena di Natale organizzata dal presidente Pallotta, ricorda che “anche l’Atletico Madrid ha cominciato la sua ascesa dall’Europa League“.

MERCATO – Certo, l’addio alla Champions ha comportato anche un danno economico. “I soldi persi dalla mancata qualificazione agli ottavi non condizioneranno il mercato. È una perdita grave che avremmo voluto evitare, ma ci inventeremo qualcosa, rastrelleremo i soldi che ci servono per eventuali acquisti che ancora non sono stati deliberati e decisi – spiega ai microfoni di Sky il dirigente -.Siamo ancora allo studio delle nostre problematiche interne, vedremo se le risolveremo in pochi giorni, e poi prenderemo le nostre decisioni. Non è da escludere un intervento sul mercato per cercare un centrale di difesa, ma confido molto nel recupero di Castan. Cedere Strootman? Kevin è un giocatore simbolo della Roma e deve rimanere qui, è testimone di una politica e della crescita della forza della squadra. Non possiamo rinunciare a quella faccia e a quelle prestazioni“.

FUTURO
– La squadra di Garcia sarà ora chiamata a dare segnali di ripresa sul campo già domenica a Marassi. “Col Genoa che gioca un calcio garibaldino sarà una gara difficile e di alto livello agonistico – ammette Sabatini – dobbiamo essere pronti. Poi penseremo al nostro futuro e anche all’Europa League, competizione fastidiosa nella fase a gironi ma che nella fase finale diventa di un fascino incredibile. Sarà suggestivo giocarci e dovrà essere un altro nostro obiettivo. Ne abbiamo tre e dobbiamo perseguirli tutti”. Punto di vista condiviso anche dal Ceo, Italo Zanzi: “Nel calcio capita di vincere e di perdere, noi guardiamo avanti, questa è la nostra filosofia. Siamo tutti molto fiduciosi, la Roma è forte. Non è il massimo essere usciti dalla Champions, ma non deve essere una cosa negativa che impatta sul resto della stagione”.

CORRIERE DELLO SPORT