Balotelli: “Nulla più importante di un Mondiale: voglio vincere”

BALOTELLI_ITA_ING

Parole misurate, espressione concentrata. Comunque vada, la maglia azzurra una volta di più ha fatto bene a Mario Balotelli, che è intenzionato a fare del suo meglio per ricambiare. “Sto vivendo questo momento con grande tranquillità, non sento pressioni particolari – esordisce in conferenza stampa -. Mi interessa soltanto segnare più gol possibili e portare avanti l’Italia. La proposta di matrimonio? Non c’entra niente col Mondiale. Questo è un appuntamento più importante di un Pallone d’oro o di una Champions League. In Brasile, per me è scattato qualcosa di speciale: voglio vincere il Mondiale. Del mio futuro e del mercato non so nulla, quello che sarà lo vedremo dopo il Mondiale”.

GLI AVVERSARI — Prandelli, seduto accanto a lui, va ripetendo da giorni che la Costa Rica, avversaria dell’Italia domani a Recife, è rivale temibile: “Abbiamo visto dai video che la Costa Rica è forte, va rispettata dando il 200%, come in tutte le partite – conferma Mario -. Il risultato che ha ottenuto con l’Uruguay non mi ha sorpreso. Stasera studierò il portiere e i difensori che mi troverò di fronte, domani arriverò pronto”.
PRIMA L’ITALIA — A chi gli chiede se i gol in Brasile possano lanciarlo verso soddisfazioni e premi personali, Balo lascia poco spazio. “Spero che questo sia il Mondiale dell’Italia, non di Mario. Essere accostato alle star come Neymar o Messi non mi interessa, conta soltanto dove arriverà la squadra. Né mi importa chi dovesse arrivare in finale, guardo le partite delle altre squadre solo per divertirmi, poi l’importante è ciò che facciamo noi. Se mi piace il modulo di Prandelli? Basta che mi faccia giocare…”.
GAZZETTA DELLO SPORT