La scienza è pensiero unico, e non può essere altrimenti“. Lo sostiene il geologo e ricercatore Mario Tozzi: l’esempio della legge di gravità è calzante alla tesi sostenuta dal conduttore di Sapiens, secondo cui democrazia e scienza non vanno di pari passo e un’opinione non può scardinare la letteratura scientifica senza alcuna prova.
Fabio Duranti fa però notare lo scenario insolito a cui stiamo assistendo in questo momento storico: il Covid ci ha messo di fronte a un dilemma filosofico: cosa è scienza? Cosa non lo è?

Ma sopratttutto: chi deve prevalere, quando chi contraddice uno scienziato è proprio un altro scienziato?

Nella carneficina dei salotti televisivi, più che nei laboratori, abbiamo assistito a duelli rusticani tra esponenti con laurea in microbiologia: Crisanti contro Gismondo, Bassetti contro Galli, senza dimenticare lo scontro virtuale tra Roberto Burioni e Giulio Tarro.
Una situazione che forse nemmeno la scienza può aiutarci a sbrogliare, quella su chi abbia ragione tra parimenti preparati. Il dibattito però è d’aiuto, e quello tra Mario Tozzi e Fabio Duranti è sicuramente appassionato e pieno di spunti interessanti.
Ecco il duello andato in scena a ‘Un Giorno Speciale’


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

1 commento

  1. Mario Tozzi è uno scienziato, Fabio Duranti chi è? Di che cosa stiamo parlando? Ma un minimo di onestà intellettuale non ce l’avete? Cos’è, il primo cazzaro può essere messo a confronto con uno scienziato? Fate pure ma vi qualificate molto molto male. Quanto sta cadendo in basso RadioRadio.