Moma: appoggia gli occhiali per terra e i visitatori del museo li scambiano per opera d’arte

Due anni fa, il giovane ha deciso di provare a poggiare sul pavimento i suoi occhiali da vista per capire il comportamento dei visitatori.

Moma

Scherzo o provocazione diretta ai visitatori che passano ore ad ammirare le opere d’arte contemporanea, millantando di comprenderne fino in fondo il significato? Sicuramente un’azione che ha reso popolare due anni fa un adolescente di 17 anni che, recatosi in visita al Moma di San Francisco con alcuni amici, ha deciso di provare a poggiare sul pavimento i suoi occhiali da vista per capire il comportamento dei visitatori.

Aspettando pazientemente, il giovane ha osservato la moltitudine di persone che si fermava davanti al suo ‘capolavoro’, ammirandolo, non meno di quanto un visitatore medio farebbe davanti a un’opera di Piero Manzoni o di Francis Picabia.

Il diciassettenne ha poi scattato delle foto ai visitatori mentre osservavano l’opera, e ha condiviso le immagini sul proprio profilo Twitter, spiegando quello che aveva fatto. Il web, neanche a dirlo, è letteralmente impazzito e in poco tempo i suoi post sono diventati virali.