Al Bano nella ‘black list’ ucraina: “Minaccia per la sicurezza nazionale”

L'elenco, aggiornato e compilato dal ministero della Cultura dell'Ucraina, conta 147 persone.

al bano

E’ nella ‘lista nera’ delle persone che possono costituire una minaccia per la sicurezza dello stato ucraino Al Bano Carrisi, celebre e iconico cantante italiano. Ad aggiornare e compilare l’elenco che, ad oggi, conta 147 persone, è il ministero della Cultura dell’Ucraina, in base alle richieste del Consiglio di Sicurezza e Difesa nazionale dell’Ucraina, dei servizi di sicurezza ucraini e del Consiglio della Tv e Radio nazionali.

Famoso in tutta l’area ex sovietica e l’unico cantante straniero, come ha ricordato lui stesso a dicembre 2017 in un’intervista, ad esibirsi durante le celebrazioni per i 100 anni del Kgb alla presenza del presidente Putin, nei confronti del quale il cantante di Cellino San Marco ha già espresso parole d’ammirazione.

Lo sostengo da tempi non sospetti. È un grande. Ha un senso religioso della vita. Ha il pugno di ferro e non ci vedo nulla di male” ha detto un anno fa l’ugola d’oro nostrana a “Il Corriera della Sera”.

Ma le celebrazioni dei 100 anni del Kgb non è l’unico appuntamento a sfondo politico del leone di Cellino: a dicembre corso, il cantante ha preso parte a un importante incontro al Viminale con il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e due imprenditori cinesi, introdotti dal cantante, con i quali “si è parlato di intensificare la presenza dei vini italiani in Cina“.

Al vicepremier, che ha cantato in quell’occasione, insieme al cantante pugliese, i brani “Nel sole” e “Felicità”, Al Bano ha anche riservato un dono: una bottiglia da 5 litri di Bacchus delle Tenute Carrisi, con dedica personalizzata sia sull’etichetta che sulla scatola.