RadioAttività, lampi del pensiero quotidiano – Con Diego Fusaro

Lo dissi l’estate scorsa, quando Salvini improvvidamente mise fine all’esperienza gialloverde, il 5 Stelle aveva dinanzi a sé un bivio: proseguire autonomamente cercando di opporsi con un sovranismo populista al globalismo dell’Unione Europea o capitolare nel PD per sancire la sua fine.
Il 5 Stelle ha scelto il proprio suicidio, il suicidio della rivoluzione. Lo si vede nelle parole di Di Maio.

I grillini si stanno annullando dall’interno, molti si trovano ormai senza una casa, in un movimento che rappresenta il fronte avanzato del potere dell’Unione Europea.
Sono di nuovo a un bivio: o rimangono all’interno di un partito ipersistemico o producono una secessione per creare qualcosa di nuovo.

Avevo previsto tutto ciò e ahimè si sta avverando.
Il 5 Stelle avvicinandosi al PD si è “decaffeinato”, ha perso il proprio vigore che derivava dalla difesa della democrazia e dei diritti sociali. Il suicidio dei pentastellati è in atto, si spera che i grillini che ne usciranno mantengano stavolta la giusta traiettoria: quella della sovranità del popolo.


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

1 COMMENT

  1. commento e conclusione alquanto …..apodittici, considerando che il mov nn ha mai rubato alcunché, nn è coinvolto nei soliti scandali della repubblichetta partitica e che, se dovessero essergli imputate come colpa alleanze scomode, si dovrebbe dire che allora il cursus politico avrebbe portato a nuove elezioni, mentre invece x alcune sue priorità riformatrici a quegli “incapaci! si doveva appuntargli la medaglia sul petto, almeno quella morale.