Vettel: “Baku, una sfida che vogliamo vincere”

VETTEL 2

La parola d’ordine è curiosità. “Sono davvero curioso di guidare sul circuito di Baku, sembra davvero entusiasmante. Anche questa mattina ho fatto un giro al simulatore, ma non vedo l’ora di mettermi alla prova su queste strade”. Parola di Sebastian Vettel, apparso fiducioso e di ottimo umore nella conferenza stampa che apre il fine settimana di gare. Anche perché le premesse per far bene ci sono tutte.
canada — “Credo che gli aggiornamenti al turbo abbiano fatto la differenza – dice Seb – ma ad aiutare me e la Ferrari è stato il fatto che abbiamo avuto un weekend molto pulito, senza pasticci o sbavature in qualifica dove abbiamo sprigionato il reale potenziale della macchina, o in gara, dove abbiamo messo molta pressione a Hamilton”.

novità — Baku però è un’altra storia. Qui si parte tutti da zero anche se Seb dimostra di avere grandissime motivazioni. “Questa pista sembra entusiasmante. Dal sopralluogo che ho fatto stamattina ho potuto notare alcuni punti davvero bellissimi, come la curva 8 e curva cieca alla 11 con la strada in pendenza. Preoccupato per l’ingresso ai box? Sembra solamente un tratto molto veloce, ma questo fatto non mi crea problemi. Anzi, sono ansioso di potermi mettere alla prova”.
gomme — Anche la scelta delle coperture per il GP di Baku crea più di qualche dubbio ai piloti. “Finora le ultrasoft hanno dimostrato una elevata aderenza anche se negli ultimi GP ha fatto più freddo di quanto ci aspettassimo. E come sappiamo quelle gomme funzionano meglio quando fa più caldo. Non so come saranno le reazioni delle gomme su questo nuovo tracciato. Meglio la scelta più conservativa fatta dalla Pirelli (che ha portato supersoft, soft e medie; ndr)”.

team — Il tedesco, sollecitato dalle domande, difende a spada tratta il suo team: “Ferrari è squadra fortissima e ha una mentalità vincente: da parte di tutti c’è il desiderio di vincere e ciò mi dà grande fiducia. Siamo forti, possiamo esserlo di più ci sono delle cose che dobbiamo imparare. La dote dei grandi vincenti è proprio questa: non pensare mai di essere arrivati e di saperne più degli altri. sono sicuro che prima o poi il successo arriverà”.
le impressioni di kimi — Kimi Raikkonen rimanda i giudizi sulla pista a dopo la prima sessione di lavoro in programma domani: “Sono arrivato ieri e sono andato in albergo, la pista l’ho scoperta solo oggi in bici. Non mi dispiace, ho fatto gia parecchi giri al simulatore ma dal vivo è sempre tutta un’altra impressione. Potrò dire qualcosa di più preciso dopo i primi giri in pista”. Il finlandese ha minimizzato i problemi avuti negli ultimi due GP: “Cosa c’è da cambiare rispetto alle ultime corse? Semplicemente fare un lavoro migliore, sappiamo dove lavorare e lo faremo dall’inizio della prima sessione di libere di domani. In Canada non hanno funzionato tante piccole cose sull’assetto delle gomme, dobbiamo solo lavorare meglio”. “Non mi piacciono le piste cittadine? Ma no, è solo che sono circuiti che non ti danno possibilità di replica al primo errore e non offrono tante possibilità di sorpasso, spesso sono più gare in cui diventa tutta una questione di feeling con la macchina”.

La Gazzetta dello Sport