Verratti: Dalla B al Mondiale e posso giocare con Pirlo

VERRATTI

“Per me ma anche per Insigne e Immobile, Zeman è stato un grande maestro, ci ha dato tanto a livello di gioco e carattere, ci ha fatto crescere moltissimo”. Marco Verratti, entrato tra i 23 azzurri che voleranno in Brasile per il Mondiale, rende omaggio al tecnico boemo, importante per la sua crescita e per la sua carriera. “Con lui, dal suo Pescara, io e gli altri siamo decollati – ha continuato il giovane centrocampista del Paris Saint Germain – dalla B al Mondiale, queste sono le storie belle del calcio, le grandi emozioni che sa regalare. E spero di ripetere con loro le cose belle fatte”.

POSSO GIOCARE CON PIRLO – “Non c’è un ruolo a centrocampo che preferisco, da tre anni cambio compiti e posizioni, credo comunque che la convivenza con Pirlo sia adesso possibile, è impossibile tra l’altro non trovarsi bene con un giocatore come Andrea”. Così Marco Verratti, dal ritiro di Coverciano, si proietta verso la grande avventura mondiale dopo una prova positiva nell’amichevole, complessivamente deludente, che l’Italia ha giocato sabato a Londra contro l’Irlanda. “Ho iniziato da trequartista, in molti mi dicevano che con Zeman avrei trovato poco spazio, invece mi dette fiducia e così – ha continuato il centrocampista – negli ultimi anni ho provato più ruoli, nei primi due da regista, ma non ho preclusioni. A Parigi gioco accanto a Thiago Motta che è un giocatore tecnico anche lui”.

Tuttosport