Vatileaks: avviso garanzia a Chaouqui, 8 indagati a Roma

Chaouqui

Francesca Immacolata Chaouqui, il marito Corrado Lanino e altre sei persone risultano indagate dalla Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta, ereditata dal pm Elisabetta Massini di Terni, sulle presunti pressioni esercitate ai danni di esponenti della politica e dell’imprenditoria. I nomi degli indagati risultano dall’avviso di garanzia che i pm Stefano Pesci e Nicola Maiorano hanno notificato alla ‘pierre’ di origine italo-marocchina, gia’ sotto processo davanti all’autorita’ giudiziaria del Vaticano assieme ai giornalisti Nuzzi e Fittipaldi, a monsignor Balda e al suo segretario particolare per la fuga di documenti riservati della Santa Sede. Alla Chaouqui, a Lanino, tecnico di computer, all’ex giornalista Rai Mario Benotti, gia’ funzionario di Palazzo Chigi e all’imprenditrice Daniela Rossana Guarnieri i pm della Capitale contestano l’associazione per delinquere finalizzata all’accesso abusivo a un sistema informatico, all’intercettazione illecita di comunicazione informatiche e alla diffusione di dispositivi e apparecchiature diretti a interrompere o danneggiare un sistema informatico. I fatti risultano commessi a Roma tra il giugno e il dicembre del 2013, quando il procedimento era ancora radicato a Terni dove si indagava sul dissesto della Curia locale e, in particolare, sui presunti illeciti legati alla compravendita del Castello di San Girolamo a Narni.

I reati di concussione e di induzione indebita sono attribuiti alla Chaouqui in concorso con l’editore del Giornale, Paolo Berlusconi, con i giornalisti Alessandro Sallusti e Enrico Cisnetto e con l’imprenditore Sauro Moretti.¬†Solo nei confronti della lobbista calabrese, infine, e’ stato configurato il reato di millantato credito. L’avviso di garanzia segue di poche ore il provvedimento di perquisizione domiciliare e sequestro, affidato dalla Procura ai militari della Guardia di Finanza, di materiale informatico riconducibile alla Chaouqui e al marito, materiale che sara’ sottoposto ad accertamento tecnico con le forme dell’incidente probatorio.

AGI