Usa 2016. Trump: ti manderei in galera. Hillary: ingerenza russa

trump-clinton

Hillary Clinton ha prevalso nel secondo dibattito tv tra i candidati alla presidenza Usa secondo il 57% degli interpellati in un sondaggio a caldo condotto dalla Cnn tra gli spettatori. Per il 34% la sfida e’ stata invece vinta da Donald Trump.

Gli Usa non sono mai stati in una situazione in cui un avversario come la Russia sta lavorando cosi’ duro per influenzare l’esito delle elezioni a favore di Trump: lo ha detto Hillary. Trump ha affermato che se fosse lui responsabile per le leggi negli Usa la rivale “sarebbe in galera” per la questione delle mail. In sala anche le accusatrici di Bill Clinton. E il tycoon fa leva sul passato del marito della democratica.

Il presidente della Repubblican Conference del Senato americano, l’organizzazione ufficiale che rappresenta i senatori in Congresso, chiede ufficialmente che Trump lasci il posto al candidato alla vicepresidenza Mike Pence che ieri lo ha scaricato con un laconico: “E’ indifendibile”. Il senatore John Thune, del South Dakota – il cui ruolo e’ distinto da quello del leader della maggioranza repubblicana in Senato Mitch McConnell – diventa cosi’ il repubblicano piu’ alto in grado nel partito a chiedere un passo indietro del candidato ufficiale.

E in serata il presidente americano, Barack Obama, commenta per la prima volta il video scandalo di Trump intervenendo ad un evento elettorale a Chicago: “Cose inquietanti”.

“Ipocriti moralisti”: cosi’ su Twitter Trump stronca i big del partito repubblicano che in queste ore a gran voce chiedono una sua uscita di scena, tra cui almeno 16 senatori e personalità di spicco come i Bush e Condoleezza Rice.

In un video scoperto dal Washington Post si ascolta la sua voce fuori campo con frasi volgari contro le donne: ‘quando sei un vip alle donne fai ciò che vuoi‘. Lui prima si scusa poi si schernisce e twitta: ‘Di sicuro sono state 24 ore interessanti’ e assicura: ‘le chance che io molli sono pari a zero‘. Poi in serata un nuovo tweet: “I media e l’establishment mi vogliono fuori dalla corsa. Ma io non lascerò mai la corsa e non lascerò mai i miei supporter”, scrive a caratteri cubitali il tycoon.

Hillary Clinton si appella alle donne: ‘avete il potere di fermare Donald Trump’. ‘Disgustato’ lo speaker della Camera Paul Ryan. L’ex governatore repubblicano John Huntsman ‘è ora che Donald Trump lasci e che Mike Pence prenda il suo posto‘. Procedura complicata ma lui dice: ‘parole indifendibili e intollerabili’. Infine interviene anche Melania che non è tenera con il marito, ma spera che la gente lo perdoni: ‘Resta un leader’.

Trump si e’ scusato per le frasi che risalgono a piu’ di 10 anni fa, dicendo che ”non riflettono” l’uomo che e’ adesso. Lo staff della campagna di Trump ha diffuso un video di un minuto e mezzo sugli account dei social network del candidato repubblicano. Il video di scuse e’ arrivato alcune ore dopo che il Washington Post e la rete televisiva NBC hanno postato un video del 2005 in cui il candidato repubblicano si vanta di avere baciato, palpeggiato e tentato di avere rapporti sessuali con donne al di fuori del matrimonio. Trump dice nel video: ”Ho detto e fatto cose di cui mi rammarico e le parole che si trovano in questo video di oltre 10 anni fa sono alcune di esse”.

Ma ora è sempre piu’ caos nelle fila dei repubblicani Usa.
Mike Pence infatti ha deciso che non partecipera’ al posto di Trump all’evento elettorale in Wisconsin e rompendo il silenzio attacca con una dichiarazione scritta: “Non posso tollerare o giustificare le parole di Donald Trump sulle donne e non posso difenderlo“. Pesantissime le parole di Pence: “Come marito e come padre mi sento offeso dalle parole e dalle azioni descritte da Trump”. Il candidato alla vicepresidenza sottolinea comunque come sia stato posItivo che il tycoon abbia chiesto scusa al popolo americano: “Prego per la sua famiglia e per l’opportunità che domani sera avrà davanti al Paese di mostrare cosa c’è realmente nel suo cuore”.

Melania Trump, parole Donald inaccettabili e offensive – “Le parole di mio marito sono inaccettabili e offensive”: lo afferma Melania Trump, moglie del candidato repubblicano alla Casa Bianca. “Quello che ha detto non rappresenta l’uomo che conosco. Spero la gente accetti le sue scuse. Il suo cuore e la sua mente sono quelli di un leader”, aggiunge.

Le donne hanno il potere di fermare Donald Trump“: così Hillary Clinton su Twitter, dove pubblica alcuni stralci del video-scandalo in cui il candidato repubblicano usa espressioni offensive nei confronti delle donne.

ANSA