Uomo armato in stazione, paura a Roma Termini. “Ma aveva un fucile giocattolo”

Termini

Momenti di paura alla stazione Termini di Roma dove alcuni passeggeri hanno segnalato la presenza di un uomo armato di fucile sulla banchina della metropolitana. Gente che scappava in preda al panico, forze dell’ordine che hanno evacuato la stazione e cominciato a setacciare i binari, bloccato alcuni treni, ma dell’uomo nessuna traccia.

Verso le 21 quell’uomo con il cappellino e l’arma in mano, ripreso dalla telecamere, era stato bloccato da un carabiniere su un treno in prossimità di Anagni perché aveva un’arma giocattolo con tanto di tappo rosso, ma poi era stato lasciato andare dal momento che la circostanza non era stata collegata con l’allarme e la evacuazione della stazione Termini. I carabinieri ora sono impegnati in ricerche in tutta la zona del Frusinate. Si tratterebbe di un italiano di 40 anni, con problemi comportamentali, uno «sbandato», «un barbone» lo ha definito uno degli investigatori. E l’arma era palesemente un’arma giocattolo con tanto di tappo rosso.

La segnalazione nella Capitale è arrivata alle 19.21 alla Polizia Ferroviaria e subito è stato predisposto il piano sicurezza con l’evacuazione della stazione Termini.

Segnalato dalla Polfer uomo armato a #RomaTermini. Evacuata la zona binari

— FSNews (@fsnews_it) 25 Gennaio 2016

Molti passeggeri della metro hanno telefonato dicendo che un uomo con un cappellino bianco stava camminando all’interno del principale scalo ferroviario della Capitale imbracciando un fucile. Subito è stata fatta evacuare la stazione con decine di persone che scappavano terrorizzate e i negozianti all’interno del centro commerciale che tiravano giù in fretta e furia le serrande. «Abbiamo davvero avuto paura e sono stati momenti terribili – hanno raccontato alcuni commercianti – siamo scappati senza neanche chiudere il registratore di cassa».

La metro, sia la linea A sia la B, hanno continuato le loro corse, mentre alcuni treni ferroviari sono stati bloccati. In pochi minuti la stazione si è riempita di forze dell’ordine. Carabinieri, polizia, esercito, armi in mano, hanno organizzato una vera e propria caccia all’uomo, ma lui sembrava essersi volatilizzato. Aveva però lasciato una traccia, la sua immagine era stata immortalata dalle telecamere interne alla stazione: cappellino bianco, giubbotto azzurro ed un fucile in mano. E così i controlli sono proseguiti anche sui treni.

Nel frattempo l’uomo era stato bloccato sul treno da un carabiniere dei Nas libero dal servizio e dal capotreno. Ma poi visto che si trattava di un’arma giocattolo lo ha lasciato andare. Ma quando il militare ed il capotreno sono arrivati alla stazione di Anagni (Frosinone) hanno saputo della caccia all’uomo e vedendo alcune fotografie delle telecamere lo hanno riconosciuto.

La notizia del controllo e della non pericolosità dell’uomo e dell’arma, nel frattempo, avevano fatto cessare l’allarme a Termini e la situazione era lentamente tornata alla normalità: i passeggeri erano stati fatti rientrare, i negozianti aveva ripreso possesso dei loro negozi ed i treni erano stati fatti nuovamente partire. Ora, ad Anagni e in tutta la provincia di Frosinone continua la caccia all’uomo che rischia una denuncia per procurato allarme.

La Stampa