Ue: Renzi detta le priorita’ “Prima le scelte poi le nomine “

MATTEO RENZI 7

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi e’ “molto piu’ interessato a discutere su come spendere bene i soldi europei per creare posti di lavoro che non preoccupato di discutere di una poltrona o di un incarico”. Lo ha detto al termine del vertice Ue. Renzi e’ tornato, parlando con i giornalisti al termine del Consiglio informale, sul tema che aveva gia’ affrontato prima dell’inizio: la questione dei nomi “viene dopo la discussione sull’agenda e sulle cose da fare”, ha ribadito. Durante il vertice, agli altri leader aveva detto che “nomina sunt consequentia rerum, dicevano gli antichi: prima mettiamoci d’accordo su cosa fare e poi decidiamo chi la fa”.

Il presidente del Consiglio si e’ poi congedato dicendo che sarebbe subito partito per Roma. Fra i leader dei 28 paesi Ue c’e’ “una grande consapevolezza che il passaggio e’ delicato ma anche molto importante”.
Infatti, secondo il presidente del Consiglio Matteo Renzi “l’Europa ha parlato con un linguaggio molto duro rispetto anche alle aspettative di tanti” e “in Italia abbiamo qualche responsabilita’ in piu'”.

Infatti, ha ricordato, l’Italia “e’ il paese in cui piu’ numerosa e’ stata l’affluenza al voto, il paese in cui il mio, il nostro partito, il Partito Democratico, ha ottenuto il maggior numero di voti di tutti i partiti europei in termini assoluti, un risultato significativo, 11 milioni di voti”. Ma questi voti, ha aggiunto, “hanno sconfitto il populismo ma hanno chiesto di cambiare l’Europa: chi vuole salvare l’Europa, deve cambiarla”. Secondo Renzi, la discussione di oggi va “nella giusta direzione: nelle prossime settimane dovremo verificare se questo atteggiamento produrra’ significativi passi avanti”.

AGI