Trump, Wto come la Nato, pronti a uscirne

donald-trump

Washington – Dopo la Nato, il Wto. Donald Trump, e’ pronto a valutare l’uscita di Washington dall’Organizzazione mondiale del commercio se vincera’ le elezioni a novembre. “Rinegozieremo gli accordi o usciremo”, ha risposto a un giornalista della Nbc scettico sulla possibilita’ cheil Wto possa accettare le posizioni protezionistiche del candidato repubblicano. “Questi accordi commerciali sono un disastro. Il Wto e’ un disastro”, ha replicato Trump, secondo cui le aziende statunitense che delocalizzano all’estero la produzione dovrebbero pagare una tassa supplementare sui beni che importano sul territorio americano. L’imposizione, ha spiegato, potrebbe essere del “25%, 30%, 15%. Non ho ancora deciso”, ha sottolineato il tycoon, “e potrebbe essere anche differente a seconda delle imprese”. Nel corso dell’intervista, Trump si e’ scagliato anche contro l’Unione europea. “Adoro l’Europa”, ha osservato, “ma dico solo che la ragione per cui si e’ messa insieme e’ una specie di alleanza per poter competere con gli Stati Uniti”.

Donald Trump e’ pronto a ordinare controlli “estremi” alla frontiera nei confronti dei cittadini dei Paesi europei maggiormente colpiti dal terrorismo, a partire dai francesi. “Abbiamo problemi in Germania e abbiamo problemi in Francia”, ha detto intervistato dalla Nbc. In particolare, ha sottolineato lo sfidante repubblicano alla Casa Bianca, la Francia “e’ stata totalmente destabilizzata dal terrorismo. E sapete perche?”, ha incalzato Trump. “E’ colpa loro. Perche’ hanno permesso alla gente di entrare nel loro territorio”. All’intervistatore che chiedeva se cio’ potrebbe drasticamente limitare il numero degli stranieri ammesso negli Usa, il tycoon ha replicato che “si potrebbe raggiungere quel punto” prima di aggiungere che “bisogna essere intelligenti, vigili e forti”.

AGI