Tromba d’aria in Veneto: è stato di crisi

MALTEMPO PIOGGIA 6

Una forte ondata di maltempo sta investendo il Nord Italia. Una tromba d’aria si è abbattuta ad Albarella, in provincia di Rovigo.

E’ fortunatamente rientrato l’allarme sulla persona scomparsa ad Albarella, in provincia di Rovigo, in seguito alla tromba d’aria. Dopo accurate verifiche effettuate dai vigili del fuoco di Rovigo infatti, al momento non risulta nessuna denuncia di scomparsa.

Ciclone sull’Italia: vento a 100 km/h

Continua intanto il lavoro delle squadre dei vigili del fuoco di Rovigo rinforzate con squadre arrivate dai comandi di Padova e Vicenza. Le squadre stanno operando sulla zona litoranea del rodigino in particolar modo a Taglio di Po, Albarella e Rosolina e Porto Viro dove si sono verificate le maggiori criticità per i danni della tromba d’aria.

Questo pomeriggio un violentissimo temporale ha colpito Venezia, sradicando tra l’altro dal basamento un’edicola di via Garibaldi. Paura poi per un fulmine che è caduto in campo San Zulian, dietro la basilica di San Marco.

Il maltempo si è fatto sentire anche a Jesolo dove alcuni alberi sono caduti sopra le auto.

Centinaia gli interventi dei vigili del fuoco nella zona litoranea del Veneto. Per la caduta di alberi che interrompono completamente la circolazione ci sono zone isolate.

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha firmato il decreto 144 che indice lo stato di crisi per gli ingenti danni provocati dalla tromba d’aria. Le strutture regionali sono mobilitate per documentare e conteggiare nel modo più dettagliato possibile la lista delle devastazioni causate dal maltempo; il decreto rimarrò aperto nei prossimi giorni per consentire ai comuni di stendere un esatto censimento dei danni subiti dalle opere pubbliche dai privati.

In Emilia Romagna, a causa di alberi sulla carreggiata caduti in seguito al maltempo, la strada statale 309 ‘Romea’ è stata provvisoriamente chiusa tra il km 16 e il km 18, in prossimità di Casalborsetti (Ravenna).

Ciclone sull’Italia: vento a 100 km/h

Sulla base delle previsioni disponibili, il dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse. “Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani allerta arancione per rischio idrogeologico sui settori settentrionali di Lombardia e Veneto e allerta gialla su buona parte del nord Italia” avverte la Protezione Civile.

Previsti, inoltre, “dalla mattinata di domani, venti forti con raffiche di burrasca sulla Campania, in estensione a Calabria e Sicilia, con possibili mareggiate lungo le coste esposte”.

 

Adnkronos