Tragico gioco in gita a Roma Studente svizzero muore accoltellato

AMBULANZA 1

È finito in tragedia il gioco spericolato tra adolescenti compagni di scuola durante una gita scolastica a Roma. Jonathan Lucas, uno studente svizzero di 16 anni è morto accoltellato al petto.

L’episodio è accaduto ieri in una struttura gestita da suore, la Domus Nascimbeni, poco distante dal Vaticano in via di Torre Rossa nel quartiere Aurelio.

I giovani di una scolaresca proveniente da un cantone della Svizzera vi erano alloggiati dal 7 aprile per la classica gita scolastica di primavera. Ieri, in serata, subito dopo cena, salta fuori nel gruppo di ragazzi una stravagante idea per divertirsi: lanciarsi dei coltelli, probabilmente come accade in certi numeri da circo. Il gioco è risultato fatale per uno di loro. Trafitto in pieno petto da una lama Jonathan si è accasciato a terra.

Il primo allarme è stato intorno alle 23. Con una telefonata si chiedeva aiuto per una persona che perdeva sangue dalla bocca. Sul posto, oltre alla polizia, sono intervenuti gli operatori del 118 di Roma che hanno provato rianimare il ragazzo, steso sul letto della propria stanza, ma gli sforzi sono stati inutili. Il giovane era morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia di Stato per chiarire la vicenda.

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha espresso cordoglio per la morte dello studente. Lo ha fatto parlando con i giornalisti prima di partecipare all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Perugia. Il ministro ha però preferito non aggiungere altro sull’accaduto.

 LA STAMPA