Totti riaccende la Roma e su Twitter si scatena l’inferno

Totti 6 ROMA TORINO

Ha risollevato la Roma, ha riacceso l’Olimpico e ha dato un calcio alle polemiche degli ultimi giorni. Anzi, due. Si, solo con due tocchi al pallone Francesco Totti è riuscito a fare due gol. Con la doppietta di stasera al Torino, il capitano della Roma ha toccato quota 303 in campionato e ha stabilito un altro primato da campione: segnare due reti dall’86′ all’88′ della partita. Quando tutto sembrava perso e quando ormai la sconfitta aleggiava sul Foro Italico, solo il Campione con la C maiuscola poteva invertire la rotta e in pochi secondi ribaltare il risultato. Francesco Totti l’ha fatto. L’ha fatto con la sua tecnica, con la sua eleganza e con quel tocco magico che ha fatto esultare per centinaia di volte i tifosi della Roma. Forse non pensava nemmeno lui di entrare stasera e forse era pronto ad una altra settimana di polemiche per una sostituzione non avvenuta contro uno dei suoi bersagli preferiti: il Torino. Ma il destino a volte ci mette lo zampino e così è bastata una scintilla per incendiare di nuovo lo stadio e ascoltare un solo coro per tutto il finale di partita: un Capitano, c’è solo un Capitano….Quel Capitano tanto invocato ad inizio partita con Spalletti a far finta di nulla di fronte alle richieste dei tifosi. Ma Totti è unico (con la stessa frase aveva dichiarato il suo amore eterno alla moglie Ilary) e così il tempo di togliere la tuta, prendere la fascia e gol.

Due minuti e ancora gol. Una gioia talmente forte che qualcuno in tribuna si è messo a piangere, mentre su Twitter con l’hashtag Totti si è scatenato il popolo giallorosso. Luca Telese, giornalista di Mediaset è stato telegrafico “E meno male che era un giocatore”. Ivan Zazzaroni ha invece pensato a Baggio nel momento di gloria di Totti: “Robi Baggio me lo ripeteva sempre: mai mettersi contro il campione, perché il campione non muore mai”. E visto che la morte non è per gli Dei, puntuale è arrivato il commento di Alfio Marchini, candidato a sindaco di Roma: “Totti ormai una figura mitologica”. E sempre sul fronte politico anche Maurizio Gasparri ha voluto dire la sua sulla prestazione di questa sera del capitano giallorosso:” Ultim’ora Totti non rinnova il contratto a Pallotta”. Una frecciatina al Presidente della Roma dopo i tanti discorsi sul ritiro del numero 10. Ma per mettere tutti a tacere da Boston è arrivata subito la presa di posizione del magnate americano:” Orgoglioso di Totti”. Come a dire, questa società non potrà mai fare a meno del suo capitano sia in campo, sia fuori. Anche Giovanna Melandri non è voluta mancare alla standing ovation virtuale: “Totti leggenda”. A salutare l’ex compagno di squadra ai tempi del primo Spalletti, Marco Cassetti;”Numero 1 in assoluto, non ci sono più aggettivi per descriverlo”. Ciliegina sulla torta il commento post gara di Spalletti sul numero 10: “Totti il meglio che c’è!”. Lo stesso pensiero con cui andranno a dormire stanotte tutti i tifosi della Magica

Il Messaggero