Toro: è 0-0 con il Bruges. Qualificazione in ballo

AMAURI_TORO

L’Helsinki fa il suo dovere e anche di più, fermando il Copenaghen. Il Toro invece spreca la grande occasione di qualificarsi con un turno di anticipo ai sedicesimi di Europa League: il verdetto è rimandato di due settimane in Danimarca, dove i ragazzi di Ventura si giocheranno tutto (contro una formazione già eliminata) dopo essersi mangiati le mani per lo zero a zero casalingo contro il Bruges. Il Toro sbaglia l’inverosimile, anche per colpa di un portiere in serata di grazia.
SENZA GOL – L’australiano Matt Ryan è un incubo per i granata: nel secondo tempo respinge nell’arco di trenta secondi prima il sinistro di El Kaddouri dopo un’esaltante azione solitario, poi si supera togliendo a Martinez e alla Maratona l’urlo di gioia per un gol che pareva sicuro. E Ryan si gasa pure su una botta da fuori di Benassi e nel finale compie un miracolo su Larrondo: un muro che respinge ogni attacco dei granata vestiti per una notte di azzurro. Eppure il Toro avrebbe meritato altra sorte per quanto prodotto: una reazione veemente, ciò che si aspettavano i tifosi dopo tre ko consecutivi e un clima generalmente depresso. I ragazzi di Ventura si scuotono, ma il problema fondamentale resta irrrisolto: il gol. Che continua a non arrivare con continuità.

TUTTOSPORT