Terremoto, forestale, sconsigliate escursioni sui Monti Sibillini

Monti Sibillini

Il corpo forestale dello Stato sconsiglia le escursioni nella zona dei Monti Sibillini: dopo il sisma che ha colpito il centro Italia sono stati rilevati massi in bilico, frane, sentieri inagibili e altri a rischio.

In particolare, le Gole dell’Infernaccio non sono accessibili in quanto la strada di comunicazione per raggiungerle è stata chiusa con un’ordinanza del sindaco. La zona delle “svolte” (Foce di Montemonaco) è impraticabile per la presenza di grandi massi in bilico e frane che hanno di fatto reso impraticabile il sentiero non più riconoscibile e non sicuro anche il tratto che da Foce di Montemonaco porta alle svolte.

A causa degli eventi sismici che si sono verificati nei giorni scorsi e delle continue scosse di assestamento, infatti, sui sentieri c’è il rischio di frane e caduta massi, bisogna, pertanto, “fare attenzione nelle gole o nelle forre, nei sentieri sotto alle pareti roccia o esposti. Anche se non si notano pericoli evidenti potrebbero essere stati resi instabili dalle scosse. Il quadro che emerge in queste ore, quindi, mostra una situazione ancora attiva e fluida, con alti rischi di smottamenti improvvisi”.

La forestale con il corpo del soccorso alpino della Regione Marche sta eseguendo delle perlustrazioni, anche con elicotteri, che continueranno anche nei prossimi giorni.

askanews