Tennis, Serena e Radwanska, doppio flop. Ok Djokovic e Nishikori, ora Murray

Svetlana Kuznetsova

Continuano a cadere le stelle a Miami: escono di scena in un colpo solo la numero 1 e la numero 2 della classifica Wta, Williams e Radwanska. Una Serena Williams debolissima psicologicamente si è arresa a Svetlana Kuznetsova (19 Wta) in un match inatteso. Primo set combattutissimo, dove s’era capito che il servizio non avrebbe aiutato Serena. Ma comunque la campionessa era andata avanti 3-0. Tutto inutile: la russa rimontava, andava al tiebreak, dove cedeva 7-3. Poi, al secondo set, sull’1-1 arrivava il crollo di Serena, la cui prima di servizio proprio non entrava: arrivavano ben otto giochi a seguire a favore della Kuznetsova, con ben 4 break facili. In un amen ci si trovava 6-1 nel secondo e 3-0 nel terzo set a favore della russa. Lì Serena iniziava a mazzolare, ma senza essere precisa: arriva sì un break a favore per l’1-3, ma anche tanti errori gratuiti che portavano la russa avanti 15-40 sul seguente servizio Williams. Serena (col tifo di papà Richard in tribuna) non mollava: annullava due palle break, sprecava una palla per il 2-3 e alla fine cedeva il servizio con il nono doppio fallo nel match (!). Incassato il 5-1 col servizio portato a casa a zero dalla russa, sul 5-2 e servizio Kuznetsova erano tre le palle per il match: Serena annullava la prima, non la seconda. E dopo due ore e 4 minuti il match si chiudeva a favore della russa, che ai quarti se la vedrà con la connazionale Ekaterina Makarova, che ha regolato l’ucraina Elina Svitolina 6-1 6-4. Serena non perdeva a Miami dal 2012 (con Caroline Wozniacki) e non arrivava almeno ai quarti di finale a Key Biscane dal 2000 (la battè Jennifer Capriati), non vince un torneo da agosto 2015 (Cincinnati).
“non posso vincere sempre” — Scura in volto, Serena poi ha detto: “Non credo sia appropriato criticare la mia partita. Ho fatto il massimo possibile e dato quello che potevo. Non posso vincere tutte le partite. Le mie avversarie danno il massimo quando giocano contro di me e per vincere io devo sempre dare il 300%. E’ ovvio che sono arrabbiata, ma a Miami ho vinto molto, quindi va bene così!”

lara porta bene — Esce di scena a sorpresa anche la polacca Agnieszka Radwanska, numero 2 Wta. La 27enne di Cracovia vede interrompersi una striscia di nove tornei in cui aveva sempre raggiunto almeno le semifinali: a Miami è stata battuta in tre set dalla svizzera Timea Bacsinszky, che vola così ai quarti di finale dove incontrerà la Halep. Davanti a Lara Gut, tifosa speciale, la Bacsinszky ha rimontato e chiuso in scioltezza il match 2-6 6-4 6-2 in due ore e 4 minuti. Siparietto al riguardo: la Bacszinsky ha dovuto spiegare agli addetti all’ingresso chi fosse Lara Gut: “Avete presente Lindsey Vonn? Bene: lei è quella che la precede in classifica…”. Avanza, come detto, la romena Simona Halep, che ha battuto senza problemi la britannica Heather Watson 6-3 6-4. Ok anche la britannica Johanna Konta, che ha battuto la romena Monica Niculescu 6-2 6-2. E la Konta affronterà ai quarti di finale la bielorussa Victoria Azarenka, che ha battuto la spagnola Garbine Muguruza 7-6 (6) 7-6 (4).
ok nole — La corsa di Novak Djokovic sul cemento di Miami non ha freni: il numero 1 del mondo, in cerca del sesto titolo, ha lasciato solo cinque game al portoghese Joao Sousa (battuto 6-4 6-1) ed è già agli ottavi. L’unico contrattempo è stata una caduta sul fianco sinistro, mentre cercava di colpire un dritto poi finito in rete. Un errore che ha consentito a Sousa di salire 4-4. Il serbo, dopo aver controllato che era tutto a posto, ha inanellato una serie di 8 game a uno e chiuso in 77 minuti il match.

favola zeballos — Il bilancio di Djokovic nel 2016 sale a 24 vittorie e una sconfitta. “Il primo set si è risolto su un paio di punti. Poi mi sono sciolto, mi sono sentito meglio. Ho sempre servito bene”. Le statistiche gli danno ragione: prima di servizio all’86 per cento nel secondo set, quando ha lasciato all’avversario solo 3 punti sulla sua battuta. Il prossimo ostacolo è l’austriaco Dominic Thiem, che ha superato il qualificato giapponese Yoshihito Nishioka 6-2 6-2. Il lucky loser Horacio Zeballos, entrato in gioco grazie al forfeit di Roger Federer, non si ferma più: ha battuto anche lo spagnolo Fernando Verdasco 1-6 6-4 7-6 (4). “La vita è cambiata per me – ha commentato Zeballos -, dopo aver battuto Del Potro e Verdasco, due giocatori più forti di me, crescerò sia nella classifica che economicamente”. L’argentino ha già guadagnato 67.590 dollari con la qualificazione agli ottavi, aiuteranno la famiglia: la moglie a giorni gli darà il primo figlio: “Sto vivendo dei bei momenti”.
ferrer stop — Avanzano anche il ceco Tomas Berdych e il francese Richard Gasquet, mentre escono di scena lo spagnolo David Ferrer, n.8 del seeding, estromesso dal transalpino Lucas Pouille, e il croato Marin Cilic, caduto in tre set per mano di un altro francese, Gilles Simon.
doppio — Si ferma al secondo turno Sara Errani, in coppia con la spagnola Suarez Navarro è stata superata 6-4 6-3 dalle ceche Hlavackova-Hradecka.
a pasquetta — Diversi i match che accendono il lunedì di Miami: fra gli uomini si è partiti con la vittoria del giapponese Kei Nishikori, che ha liquidato l’ucraino Alexandr Dolgopolov 6-2 6-2. Avanzano agli ottavi di finale anche il russo Andrey Kuznetsov, che ha battuto il francese Adrian Mannarino 2-6 7-5 6-0, e Roberto Bautista Agut, che ha eliminato il francese Jo-Wilfried Tsonga 2-6 6-3 7-6 (3). Ora in corso un intrigante Dimitrov-Murray.
RISULTATI di PASQUA — Uomini, terzo turno: Djokovic (Ser) b. Sousa (Por) 6-4 6-1; Thiem (Aut) b. Nishioka (Giap) 6-2 6-2; Gasquet (Fra) b. Paire (Fra) 6-3 6-0; Berdych (R.Cec) b. Johnson (Usa) 6-3 6-7 (6) 6-3; Zeballos (Arg) b. Verdasco (Spa) 1-6 6-4 7-6 (4); Goffin (Bel) b. Troicki (Ser) 6-1 6-1; Simon (Fra) b. Cilic (Cro) 6-3 6-7 (4) 6-3; Pouille (Fra) b. Ferrer (Spa) 6-7 (1) 7-6 (4) 7-5.
Donne, terzo turno: Kerber (Ger) b. Bertens (Ola) 1-6 6-2 3-0 rit. Muguruza (Spa) b. Gibbs (Usa) 6-1 6-0 Keys (Usa) b. Vinci 6-4 6-4 Azarenka (Biel) b. Linette (Pol) 6-3 6-0 Konta (Gb) b. Vesnina (Rus) 4-6 6-1 7-6(3) Niculescu (Rom) b.Wandeweghe (Usa) 6-4 6-1 Begu (Rom) b. Pliskova (R.Cec) 7-5 4-6 6-4 Babos (Ung) b. Osaka (Giap) 7-5 6-0. Doppio, secondo turno: Hlavackova-Hradecka (R.Cec) b. Errani-Suárez Navarro (Spa) 6-4 6-3

La Gazzetta dello Sport