Super Roma, il Parma va ko

ROMA  PARMA

Missione compiuta. La Roma manda al tappeto il Parma (4 a 2) nel recupero della sfida interrotta per colpa della pioggia due mesi fa e si mette in scia della Juve ad otto punti di distanza: i giallorossi, adesso, si mettono in viaggio per Cagliari in cerca di un altro successo che porterebbe Totti e soci a cinque lunghezze dai bianconeri in attesa del posticipo fra la Juve e il Livorno di lunedì sera.

L’avvio della sfida è un flipper. In poco più di otto minuti il pomeriggio dell’Olimpico racconta di tre gol e di almeno due occasioni da rete. La Roma va in vantaggio con Gervinho dopo un tocco delizioso di Totti a liberare Destro che centra il palo aprendo la porta al colpo vincente dell’ivoriano: Gervinho segna sul filo del fuorigioco. Passano appena tre minuti e la risposta del Parma è nella rete di Acquah, abile a controllare il pallone in mezzo all’intera retroguardia giallorossa e a beffare De Sanctis con un diagonale velenoso.

Emozioni finite? Sessanta secondi dopo il pareggio emiliano è Totti a mandare in orbita l’Olimpico con una saetta sotto l’incrocio dei pali dal cuore dell’area avversaria: per l’ex Pupone continua la lunga serie personale di gol al Parma, arrivata a quota venti. La sfida dell’Olimpico va avanti mille all’ora e, ad inizio ripresa, la truppa di Garcia chiude i giochi con l’acuto di Pjanic (incursione del solito Gervinho, tocco preciso del bosniaco). Nel finale c’è spazio per la prima gioia stagionale di Taddei che di testa su calcio d’angolo di Florenzi spiazza Mirante. L’ultimo flash è per Biabiany, una rete che serve soltanto per aggiornare il tabellino del pomeriggio romano.

 LA STAMPA