Strage in California, Farook aveva pianificato un altro attacco nel 2012

san bernardino

Non è stata una strage improvvisata, quella di San Bernardino. Syed Rizwan Farook, l’uomo autore – insieme alla moglie Tashfeen Malik – dell’attacco costato la vita a 14 persone in California, sarebbe stato coinvolto nella pianificazione di un altro attentato ben tre anni fa. Lo riferisce la Cnn citando fonti che si occupano delle indagini. Il piano risalirebbe al 2012 e avrebbe dovuto coinvolgere un’altra persona. Sempre secondo la Cnn, l’operazione non andò poi in porto. Non è chiaro quale fosse la ‘gravita’ di quel complotto. Si sa però che le due persone protagoniste decisero di non portare a termine l’azione dopo che nella zona scattarono alcuni arresti legati a minacce terroristiche.

Gli investigatori sono interessati a un deposito di 28.500 dollari su un conto Syed Farook, accreditato due settimane prima della strage. Farook aveva ottenuto un prestito on-line attraverso la società Prosper Marketplace, con sede a San Francisco. Il prestito è stato successivamente finanziato dalla banca online Webbank.com, con sede nello Utah. Farook poi fatto un ritiro di 10mila dollari a San Bernardino. E potrebbe averli utilizzati per pagare Enrique Marquez, l’uomo che ha comprato le armi usate per il massacro. Nei giorni precedenti l’uccisione del 2 dicembre, ci sono stati tre trasferimenti da 5000 dollari anche sul conto della madre di Farook, Rafia.

Questi grandi depositi e prelievi di contante allontanano ancora di più l’ipotesi di un attacco compiuto sulla base di un raptus. Le ultime notizie fanno anzi pensare a un piano studiato per anni.

REPUBBLICA.IT