Storico viaggio, Obama arrivato a Cuba, dissidenti arrestati all’Avana

Nella primavera del disgelo con Cuba, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama calca il suolo dell’aeroporto Jose Marti dell’Avana sotto un ombrello aperto come se fosse il primo uomo a sbarcare sulla luna, tante sono le aspettative dopo oltre mezzo secolo di embargo e tanto il tempo passato da quando un presidente americano mise piede nell’isola, 88 anni fa. Una «visita storica, una opportunità storica», come ha osservato lui stesso incontrando in serata lo staff dell’ambasciata americana, dopo il primo messaggio via twitter ai cubani.

«Que bola Cuba? (Come va Cuba?, ndr). Sono appena arrivato alla meta qui, non vedo l’ora di incontrare e di sentire direttamente il popolo cubano», ha scritto esordendo con lo slang dell’isola. Il suo atterraggio a bordo dell’Air Force One sotto un cielo grigio e piovoso non ha tuttavia ricevuto il massimo dell’attenzione dal regime: ad accoglierlo il ministro degli esteri Bruno Eduardo Rodriguez Parrilla, non il presidente Raul che spesso riserva questo onore ai suoi ospiti internazionali più importanti, mentre la tv di Stato ha interrotto brevemente i suoi programmi solo per far vedere lo sbarco di Obama e le strade dell’Avana sono rimaste deserte per la mancata mobilitazione da parte del governo. Ma, quel che è peggio, l’arrivo del presidente americano è stato offuscato dalla retata che lo ha preceduto, con una cinquantina di attivisti dei diritti umani arrestati «in modo particolarmente violento» durante una marcia pacifica all’Avana, come denunciato da fonti di opposizione.

Tra loro anche una ventina di esponenti del gruppo Damas de blanco, formato dalle mogli di prigionieri politici, all’esterno di una chiesa dove tentavano le loro proteste settimanali. «È stato brutale, ci sono persone con fratture e contusioni. Ci hanno picchiato duro», ha raccontato un oppositore, Antonio Rodiles. Forse una prova di forza del regime di fronte alla dichiarata intenzione di Obama di parlare anche di diritti umani e di incontrare alcuni dissidenti. O forse un colpo di coda all’interno di un partito comunista dove sembrano convivere sentimenti contrastanti, come dimostrano le foto sui giornali cubani dell’incontro odierno tra Fidel Castro e il presidente venezuelano Nicolas Maduro, che per ora ha oscurato la visita di Obama. Preceduto di poche ore da un forse poco opportuno allarme Zika a Cuba delle autorità sanitarie, Obama è arrivato insieme alla famiglia, alla suocera e ad una maxi delegazione di parlamentari e imprenditori. La prima tappa è stata in un hotel dell’Avana per salutare il personale con relative famiglie. «È meraviglioso essere a Cuba», ha detto, sottolineando che un presidente americano non metteva piede nell’isola da quasi 90 anni.

L’ultimo, ha ricordato Obama, fu Calvin Coolidge nel 1928, che arrivò con una nave da guerra in tre giorni mentre lui ci è arrivato in tre ore d’aereo. Poi ha ringraziato quanti avevano portato i loro figli per incontrarlo, auspicando che quando saranno grandi penseranno che sia naturale che un presidente americano visiti Cuba. Quindi è seguita una passeggiata con la famiglia sotto la pioggia tra le vie dell’Avana vecchia, rimessa a nuovo per l’occasione, con strade rifatte e facciate delle case ridipinte. Un fuori programma potrebbe essere l’incontro con il cardinale Jaime Ortega, uno degli artefici del riavvicinamento tra Stati Uniti e Cuba. Lunedì il presidente parteciperà ad una cerimonia in Piazza della Rivoluzione in omaggio a Josè Martì, eroe dell’indipendenza, quindi foto ufficiale e stretta di mano con Raul Castro prima della cerimonia di benvenuto al palazzo della Rivoluzione.

Seguirà un bilaterale. Nel pomeriggio Obama prenderà parte ad un incontro con gli imprenditori sulle opportunità di sviluppo e cooperazione, mentre in serata sarà l’ospite d’onore con la first lady di una cena di Stato, sempre al Palazzo della Rivoluzione. Martedì sarà il giorno in cui il capo della Casa Bianca parlerà ai cubani dal Gran Teatro dell’Avana Alisia Alonso, con un discorso trasmesso in diretta dalla tv cubana. In tarda mattinata è previsto un incontro con la società civile cubana, forse anche con alcuni dissidenti.

Nel pomeriggio spazio alla ‘diplomazia del baseball’: Obama e la sua famiglia assisteranno ad una partita tra la nazionale cubana e i Tampa Bay Rays in uno degli sport più amati in entrambi i Paesi. Poi tappa in Argentina, per proseguire la sua diplomazia della distensione nell’America latina, come dimostra anche l’incontro di lunedì a Cuba tra il segretario di Stato Usa John Kerry e i rappresentanti delle forze armate rivoluzionarie colombiane (Farc) per verificare i progressi delle negoziati di pace con il governo di Bogotà, sostenuti dalla Casa Bianca. Un viaggio, quello cubano, ricco di appuntamenti, che suggella il disgelo avviato 15 mesi fa con la ripresa dei rapporti diplomatici, seguiti parzialmente da quelli turistico- commerciali, anche se difficilmente il Congresso dominato dai repubblicani revocherà a breve l’embargo. Ma Obama scommette molto sull’interazione economica, nonostante i piani di liberalizzazione attuati da Raul Castro si muovano con la stessa lentezza delle vecchie carcasse di auto americane degli anni ’50 che circolano ancora nell’isola.

Il Messaggero