Storia di ordinaria follia: lo picchia a sangue perchè convinto di essere preso in giro ma la sua vittima è semplicemente un sordomuto.

aggressione

Pensava che lo stesse prendendo in giro, e invece gli stava semplicemente parlando con il linguaggio dei sordomuti. Ma, contrariato, aveva reagito prendendolo a pugni e mandandolo all’ospedale. Così adesso l’ignaro ciclista è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali.

Crede che lo insulti, lo prende a pugni
Ma si era imbattuto in un sordomuto

La vicenda, raccontata dal “Gazzettino”, risale a gennaio, quando i due protagonisti dell’accaduto, un ciclista 26enne di Feltre (Belluno) e un automobilista sordomuto rischiano un incidente sulle strade del Montello, a Crocetta. Il ciclista è costretto a una brusca frenata da un’auto che non gli dà precedenza. Fortunatamente non accade niente di grave, ma la cosa non finisce lì perché il giovane va a lamentarsi dall’automobilista che, essendo sordomuto, comincia a gesticolare per esprimersi, appunto, con l’unico linguaggio che conosce, quello dei segni.

L’altro si infuria e, convinto che quello lo prenda in giro, lo prende a pugni mandandolo all’ospedale. Poi si rimette alla guida della sua bici, credendo sia finita lì. Ma adesso, a qualche mese di distanza, ecco la sorpresa: una denuncia arrivata dai militari di Montebelluna contro di lui per lesioni personali. E probabilmente conterà poco il “malinteso” che ha scatenato la violenza contro il povero sordomuto.