Spalletti ci crede: «Facciamo un gol al Real, poi vediamo che succede»

Spalletti Roma

MADRID – «La vittoria di Madrid di otto anni fa è un piacevole ricordo, ma questa sarà un’altra partita. I miei giocatori devono sapere che tutto dipenderà dalla forza che metteranno in campo. Certo, il risultato dell’andata ci penalizza, ma non dobbiamo lasciarci condizionare». Luciano Spalletti esordisce così in conferenza stampa alla vigilia della sfida di ritorno degli ottavi di Champions contro il Real Madrid al Bernabeu: «Noi dobbiamo pensare a fare un gol. Non dobbiamo pensare al difficilissimo 3-0, facciamo un gol, poi potrebbero esserci deirisvolti psicologici che nemmeno immaginiamo. Facciamo un gol, poi si vedrà».

NON PARTIAMO BATTUTI – «Non dobbiamo avere la debolezza di pensare che si giocherà per perdere, è una roba terribile. Se ho un giocatore che la pensa così, non lo faccio nemmeno allenare». Spalletti non ha nessuna voglia di fare la vittima sacrificale contro il Real Madrid. Il tecnico, consapevole delle difficoltà della partita, punta soprattutto sul fattore psicologico: «Abbiamo solo una strada, pensare che quella di Madrid è una partita che in fin dei conti ci può regalare un’impresa, un’impresa che ci porterebbe dritti nella storia».

DZEKO PUO’ DARCI UNA MANO – Una battuta su Dzeko, Spalletti è convinto che il bosniaco può essere l’elemnto chiave del match del Bernabeu: «Dzeko può darci una grande mano. Puo’ essere decisivo, deve soltanto convincersi che può fare e dare molto di più di quando ha dato fino ad ora. Dzeko, è possibile che parta dall’inizio perché c’è da fare di più sotto l’aspetto del tentativo di penentrare nella difesa. E Dzeko ha le caratteristiche per per forzare le situazioni.».

CORRIEREDELLOSPORT.IT