Serie A – L’Inter saluta Zanetti con un poker alla Lazio

1234376-26464792-640-360

Nella notte in cui Javier Zanetti e San Siro salutano la loro bandiera e il loro guerriero più amato, l’Inter ritrova la vittoria fra le mura amiche e sigilla un posto in Europa League con una giornata d’anticipo vincendo 4-1 lo scontro diretto con la Lazio che esce definitivamente dalla corsa per l’Europa. Finisce nel migliore dei modi una serata di festa iniziata con, Zanetti in panchina, e il brivido sulla schiena per il gol in apertura di Biava ma poi rimessa sui binari più giusti grazie alla sfuriata prepotente firmata Palacio (doppietta) ed Icardi, innescati al meglio da due assist da urlo di Kovacic alla migliore recita in maglia nerazzurra. Nella ripresa lo stadio è andato in visibilio quando al minuto 52 Mazzarri ha inserito Pupi al posto di Jonathan ma ha anche benedetto Handanovic, autore di quattro-cinque parate strepitose che tengono in vita l’Inter che proprio nel momento più complicato la chiude con il più classico dei gol dell’ex diHernanes. Finisce in gloria con l’Inter che ritorna in Europa e lo stadio in piedi e in lacrime per omaggiare il suo eroe, Javier Zanetti: semplicemente il Capitano.

LA CRONACA

L’inizio della serata della festa inizia nel modo più strano: Zanetti è in panchina e l’Inter va subito sotto: Pereirinha crossa per Cana, dimenticato dalla retroguardia nerazzurra, che incorna ed assiste Biava che da due passi batte Handanovic e gela San Siro che vedi gli incubi. La squadra nerazzurra però ha il merito di non perdere la testa e reagisce subito trovando l’1-1 con Palacio, che al 6’ devia in rete una geniale palla in verticale di Kovacic. Il gol galvanizza la squadra di Mazzarri che preme sulla sinistra con Nagatomo, impegna Berisha e dopo la mezzora piazza l’uno-due da ko: al 33’ ancora Kovacic ispira con un assist meraviglioso Icardi che con un rasoterra batte Berisha mentre tre minuti dopo ci pensa Palacio a prendere il tempo a Cana e a tramutare nel gol del 3-1 l’assist di Nagatomo.

Nella ripresa Zanetti entra in campo nel boato di San Siro dopo 7 minuti ma l’Inter si smarrisce e deve salire in cattedra Handanovic per evitare che la Lazio riapra la partita: lo sloveno commette almeno 5 parate determinanti tra il 60’ e il 78’ bloccando Keita e Anderson (2 volte) e Candreva. Nel momento più difficile del match a scacciare i fantasmi però ci pensa Hernanes, grande ex di turno, che con un sinistro dai 25 metri fulmina Berisha e realizza il primo gol della sua carriera nerazzurra. Finisce 4-1 con la festa per Zanetti e l’Europa League che è realtà.

LA STATISTICA CHIAVE

Walter Mazzarri sfata il tabù Edi Reja nella serata più importante. Dopo aver racimolato due pareggi e cinque sconfitte nei sette precedenti contro l’allenatore friulano, il tecnico toscano finalmente batte Reja e ritrova una vittoria a San Siro che mancava dal 9 marzo 2014 (Inter-Torino 1-0)

IL MIGLIORE

Mateo Kovacic – Nella serata in cui l’Inter saluta il pezzo più importante della sua storia recente e congeda gli ultimi eroi del Triplete ecco emergere un raggio di sole per il futuro nerazzurro che non può non partire dai piedi e dalle giocate di questo 20enne croato che contro la Lazio ha illuminato la scena prendendo per mano la squadra e ispirando i due gol con due assist da giocatore di classe superiore. Nella sera di Zanetti, Kovacic si è preso definitivamente l’Inter.

IL PEGGIORE

Alvaro Gonzalez – Si fa arare sulla fascia da Nagatomo e lascia il campo per disperazione dopo soli 45’ di nulla.

LA DICHIARAZIONE

Mateo Kovacic (Centrocampista Inter): “Siamo partiti male, abbiamo preso gol subito ma ne abbiamo fatti quattro. Una vittoria importante anche per il nostro capitano e siamo tutti contenti”

IL TABELLINO

Inter 4

Lazio 1

INTER (3-5-2): Handanovic; Ranocchia, Samuel, Rolando; Jonathan (51’ Zanetti), Hernanes, Kuzmanovic (72’ Taider), Kovacic, Nagatomo; Icardi, Palacio (63’ Milito). All. Mazzarri

LAZIO (3-4-3): Berisha; Biava, Cana, Dias; Gonzalez (45’ Ledesma), Onazi (68’ Candreva), Biglia, Pereirinha; Felipe Anderson (81’ Minala), Klose, Keita. All. Reja

Arbitro: Massa di Imperia

GOL: 2’ Biava, 6’ Palacio, 33’ Icardi, 36’ Palacio, 81’ Hernanes

Note: ammoniti: Palacio, Onazi