Scontro nella maggioranza sul disegno di legge sulla prescrizione

sentenza

Acque agitate in maggioranza sulla riforma della prescrizione, dopo che i relatori di maggioranza Felice Casson e Giuseppe Cucca hanno presentato l’emendamento al disegno di legge di riforma del processo penale nel quale si sostiene che “la prescrizione cessa comunque di operare dopo la sentenza di primo grado”. Una proposta per risolvere il nodo della prescrizione che trova d’accordo il Movimento cinque stelle. “M5s è pronto a votare anche questa misura che e’ comunque un buon passo avanti”, affermano i capigruppo M5s in commissione giustizia Enrico Cappelletti e Vittorio Ferraresi.

I centristi di Area popolare hanno però bocciato le proposte di modifica presentate dai relatori Pd in commissione Giustizia al Senato, e li hanno invitati a ritirare emendamenti che “mai sono stati discussi e condivisi dalla coalizione”. A stretto giro di posta, la precisazione del partito democratico: E’ “un’ipotesi di lavoro”, Nei prossimi giorni quelle proposte saranno discusse nel Pd e con gli alleati di governo, ha fatto sapere il presidente dei senatori Zanda.

Area popolare ha ricordato di essersi astenuta alla Camera sulla prescrizione perché “non ne ha condiviso il contenuto”, ma ha fatto “affidamento sull’impegno del ministro Orlando di rivedere alcuni punti che dilaterebbero eccessivamente, ed in palese violazione dell’articolo 111 della Costituzione, i termini di prescrizione del reato. Da qui, l’invito a ritirare “proposte mai discusse e non condivise all’interno della coalizione”. “Se ciò non avvenisse – ha avvertito ancora Schifani – si prospetterebbe l’ipotesi di una maggioranza trasversale che vedrebbe esclusa Area popolare, così ­ come quella che ebbe a prospettarsi sul tema delle unioni civili, argomento comunque estraneo al programma di governo”.

Ad aprire al confronto con i centristi sulla riforma della prescrizione era stato in mattinata uno degli stessi relatori: discutiamo con Nuovo centro destra, Verdini e Ala non sono “nella maggioranza formalmente”, ha precisato il dem Casson. “Dall’inizio di questa legislatura sui temi della giustizia – ha premesso ai microfoni di Radio Cusano Campus – ci sono sempre state spaccature all’interno della maggioranza e del governo. Noi del centrosinistra ci siamo sempre trovati in contrasto con i vari gruppi e partiti del centrodestra. E’ scontato che ci siano discussioni molto forti, bisognerà trovare punti d’incontro. Non possiamo escludere in partenza una scelta piuttosto che un’altra”.

La proposta avanzata dai relatori di maggioranza prevede anche lo stop alla prescrizione dopo la sentenza di primo grado. E il M5S ha affermato di essere pronto a votarla. “Emendamenti analoghi sono stati presentati dal M5S e da alcuni senatori del gruppo misto, oltre che da un gruppo di senatori del Pd – ha sottolineato Casson -. Questo significa che il dibattito è¨ aperto e bisognerà fare un discorso di contenuto e di merito”.

Rai News