Scontro fra treni, due donne gravi

incidente treno catanzaro

Una linea interna a binario unico, due treni che si scontrano frontalmente. E poi il terrore, la paura. A riportare la peggio sono due donne, una delle quali incinta, ferite in modo grave. Nessuna delle due, però, è in pericolo di vita. Decine i contusi, tra i passeggeri, una settantina circa, perlopiù pendolari e studenti. Accade in aperta campagna, a Gimigliano, a poche centinaia di metri dalla stazione Madonna di Porto delle Ferrovie della Calabria, nelle vicinanze dell’omonimo santuario mariano.
L’allarme scatta nel primo pomeriggio con le telefonate di alcuni passeggeri, rimasti illesi, che viaggiavano sui due convogli, in gran parte residenti tra le province di Catanzaro e Cosenza. In pochi minuti ecco il dispositivo d’intervento e la zona è un pullulare di mezzi di soccorso: sul luogo dell’impatto, in mezzo a tanto verde e qualche casolare rurale disabitato, a poca distanza dal fiume Corace ingrossato dalla pioggia delle ultime ore, arrivano un elicottero e tante ambulanze assieme a decine di carabinieri, vigili del fuoco, agenti della Polfer e del Corpo forestale dello Stato. I feriti più gravi sono trasportati in elisoccorso nell’ospedale di Catanzaro, dove per fare fronte all’emergenza viene richiamato anche il personale fuori servizio. Feriti anche i due macchinisti dei convogli. Uno dei due ha riportato un trauma cranico e per lui i medici si sono riservati la prognosi.