Sciopero Atac venerdì 20 maggio Il prefetto Gabrielli lo riduce a 4 ore

ATAC

Dimezzato lo sciopero di bus tram metro e treni indetto dai sindacati Usb, Faisa-Confail, Or.Sa. Tpl, Sul, Utl e Cambia-Menti M410 per venerdì 20 maggio. Il prefetto Franco Gabrielli ha ridotto con un’ordinanza l’astensione dal lavoro dalle 8.30 e le 12.30, garantendo il diritto allo sciopero ma anche alla mobilità dei cittadini. La decisione è stata presa martedì sera di concerto con i sindacati per garantire i livelli minimi essenziali del trasporto urbano, anche alla luce della perdurante possibilità del ripetersi di episodi negativi ai danni del personale Atac. Altri motivi sono la concomitanza con lo sciopero della scuola e l’incremento dell’arrivo di turisti per il Giubileo e per la bella stagione.

«Referendum sul salario»

«Lo sciopero – spiegano i sindacati – è indetto per rivendicare il diritto dei lavoratori ad esprimersi con un referendum in merito all’accordo del 17 luglio 2015, che incide profondamente sulle condizioni salariali e lavorative di 11.600 dipendenti Atac. Un modus operandi posto in essere dalle imprese, con l’appoggio delle istituzioni, per restringere il diritto democratico dei lavoratori a esprimere il proprio dissenso e che le organizzazioni sindacali promotrici dello sciopero intendono respingere al mittente».

Linee a rischio

Lo sciopero verrà effettuato con le consuete fasce di garanzia: da inizio servizio fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Nelle altre fasce orarie, sulla rete Atac, saranno a rischio le corse di bus, tram, filobus, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Nelle stesse ore, a causa dell’agitazione indetta dall’Ugl, possibili disagi anche su sette linee gestite dalla Trotta bus (Roma Tpl): 218, 702, 720, 721, 764, 767 e 789. Nella notte tra venerdì e sabato, poi, saranno a rischio non solo i collegamenti diurni che terminano il servizio dopo le 24, ma anche le 28 linee notturne (N).

In ferrovia

E ci sarà anche uno sciopero nazionale delle Fs: lo stop, proclamato da alcune sigle autonome, inizierà alle 21.00 di martedì 24 e terminerà alle 18.00 di mercoledì 25 maggio.

Corriere della Sera