Sassuolo sbanca Firenze ma torna al goal Pepito Rossi

Succede davvero di tutto al Franchi, dove la lotta salvezza subisce uno scossone forse decisivo. Il Sassuolo si porta a 31 punti e mette due squadre alle sue spalle, Chievo e Bologna, con Catania (ospite dei felsinei domenica) e Livorno a chiudere la classifica. I neroverdi hanno il merito di approfittare di una Fiorentina insolitamente morbida e rinunciataria, specialmente dopo il vantaggio, nato da una decisione rivedibile di Tagliavento (l’intervento di Borja Valerosembra involontario). Berardi segna la sua seconda tripletta in stagione che va a sommarsi al poker rifilato al Milan: numeri importanti per il classe ’94 che raggiunge quota 16 in campionato. A tenere a galla la Viola è un moto d’orgoglio guidato da Cuadrado eGiuseppe Rossi che entra in campo e, nel giro di sette minuti, segna una rete importante, non tanto per il risultato quanto per le convocazioni mondiali di Prandelli. Pepito sfiora anche il clamoroso 4-4 in un finale generoso dei gigliati. La Nazionale chiama.La gara comincia subito su buoni ritmi e con folate da una parte e dall’altra. La Fiorentina ha due buone chances con Mati Fernandez, il Sassuolo risponde con Sansone, Zaza e Gazzola che costringono Rosati agli straordinari. I neroverdi passano grazie a un rigore generosamente concesso da Tagliavento per un intervento di Borja Valero con il gomito su tiro ravvicinato di Biondini: Berardi fa centro. Matri spreca, Cuadrado sfiora il palo mentre Berardi non perdona: assist lungimirante di Sansone e gol del bomber, a tu per tu con Rosati. Zaza colpisce il palo dalla distanza, ma il solito Berardi concede il tris, su passaggio di Zaza che sfrutta una leggerezza di Gonzalo.Nella ripresa, Zaza fallisce il 4-0, Longhi stende il neoentrato Joaquin e Gonzalo accorcia su rigore. Zaza fallisce un altro gol, ma Sansone no: 4-1. Rossi entra e segna, dopo un buon dialogo con Borja Valero. Cuadrado realizza il 4-3 con un pallonetto e, nel recupero, Rossi sfiora il pari, così come Borja Valero che si vede giustamente annullare un gol di testa.