Samp, terza con Gabbiadini

GABBIADINI_SAMP
La Sampdoria continua la sua corsa nelle posizioni di vertice della classifica battendo l’Atalanta grazie alla terza rete in campionato di Gabbiadini, il primo su azione manovrata. Tre come i gol dell’ex di giornata (esultanza pacata per lui), ma soprattutto come la posizione in classifica della squadra di Mihajlovic.
UNA TRAPPOLA BEN CURATA — Il colpo che spariglia le carte è preparato con cura. Gabbiadini non occupa stabilmente la sua posizione da ala destra, spesso si accentra, avvicinandosi a Okaka. Poco dopo la mezz’ora la trappola studiata da Mihajlovic scatta inesorabile: Obiang a venti metri dalla linea di metà campo in posizione difensiva, trova il lancio perfetto: Gabbiadini è pronto e veloce, sfrutta il movimento a rientrare di Okaka, sul quale si concentrano i centrali dell’Atalanta, e scatta alle loro spalle, trovandosi solo davanti a Sportiello e battendolo con facilità. In precenza solo qualche lampo di Soriano aveva messo in affanno gli ospiti. Il vantaggio esalta la Samp, che sfiora il raddoppio con Gabbiadini, liberato da Soriano, poi con Eder, protagonista di una gran giocata su Zappacosta.
ATALANTA, NULLA DA FARE — Colantuono, però, è pronto a rimediare lo svantaggio tattico, passando al 4-3-1-2, inserendo Moralez, tra le linee e liberando così l’azione di Cigarini. Il pallino del gioco passa nelle mani dell’Atalanta, che sfiora in pari con una triangolazione tra Moralez e Denis, sprecata dal primo con un diagonale impreciso. Mihajlovic, però, poco prima della mezz’ora del secondo tempo torna a specchio, con Fedato fantasista e, nel recupero, sfiora il raddoppio con un contropiede di Okaka, stoppato da Sportiello. L’ultimo sussulto è un colpo di testa di Denis a lato.
GAZZETTA DELLO SPORT