Salah, il suo legale dice che è un idiota e che ha l’intelligenza di un portacenere

SALAH

“E’ un idiota, un poveretto di Molenbeek, espressione della piccola criminalità. E’ piuttosto uno spirito gregario, non uno che guida. Ha l’intelligenza di un portacenere vuoto. E’ di una vuotezza abissale”: così ha descritto il suo cliente al quotidiano La Libre Belgique, Sven Mary, l’avvocato belga di Salah Abdeslam, considerato il principale componente del commando degli attentati di Parigi. Parole che hanno fatto scoppiare la polemica in Francia dove Salah Abdeslam è stato estradato oggi e subito incriminato. “Oggi mi accusano di aver umiliato Abdeslam, dicono che lo disprezzo e che sono diventato più un suo avversario che il suo difensore. Ma lo ripeto, mi prendo la responsabilità di quello che ho detto in questa intervista”, ha detto l’avvocato brussellese. “Era un modo sopra le righe per dire che Abdeslam non può essere il cervello degli attentati e che sono sempre in attesa che emergano degli elementi che provano che poteva effettivamente esserlo o che lo è stato”, ha insistito Sven. In Francia Abdeslam sarà difeso dall’avvocato di Lille Franck Berton. “Quello che posso dire, è che sono io che ho scelto Berton e che lo ho proposto al mio cliente, per le sue qualità di giurista, per il suo rigore, la sua tenacia. Abdeslam ha accettato e Berton ha deciso di assumere la sua difesa”, ha spiegato ancora Sven Mary.

ASKANEWS