Roma, Spalletti: “Nainggolan mi ha promesso che resterà”

NAINGGOLAN_TEDESCHI

Nainggolan resta, Digne no, Dzeko avrà un’altra chance. Luciano Spalletti si sostituisce per un giorno a Walter Sabatini e fa il punto del mercato giallorosso. Anche per tranquillizzare i tifosi, arrabbiati per la partenza di Pjanic. “Nainggolan mi ha promesso che resterà con noi. E lui è uno di parola. Abbiamo già subito delle forti penalità: la cessione di Pjanic e l’infortunio di Rudiger, due titolari importanti. La Roma ha una bella macchina ma i cavalli vanno mantenuti e Radja è un cavallo di razza. Penso che per il discorso che abbiamo affrontato io e lui rimanga”. Rimarrà anche Dzeko: “Ha qualità che non è riuscito a esprimere. Ci sta a cuore e vogliamo vedere qual è il suo massimo”.

NON POTEVAMO TRATTENERE PJANIC – Al tecnico giallorosso dispiace aver perso Pjanic. “Quando si fanno delle scritture e poi vengono impugnate, di cosa ci meravigliamo? Si tira in ballo la fedeltà del calciatore ma ormai il calcio è aperto, tutti possono fare le scelte che più gli convengono. Miralem aveva fatto questo contratto con questa clausola per cui era aperto a cambiare. Rimane un gran bravo ragazzo, una bella persona, si è dimostrato un professionista serio anche quando l’ho tenuto fuori”. Per rimpiazzarlo la Roma starebbe pensando a Witsel, che Spalletti ha allenato allo Zenit. Il tecnico, però, sull’argomento glissa. “Witsel è bravo ma costa… Dobbiamo prima mettere a posto la difesa, la priorità è trovare un sostituto a destra di Florenzi che ha le qualità per fare ruoli più offensivi. Completata la difesa si può anche cercare di migliorare la nostra formazione”.

PER DIGNE E’ DURA, NACHO MI PIACE – E proprio in difesa è in arrivo c’è Mario Rui: “È un giocatore che abbiamo seguito a lungo e che può essere il sostituto di Digne che sarà difficile da poter riprendere dal PSG”. Per il pacchetto arretrato si fa anche il nome di Nacho per cui la Roma sta trattando con il Real Madrid il prestito secco per una stagione. Il tecnico conferma l’interesse: “Sa svolgere molti ruoli della linea difensiva, Sabatini lo sta monitorando”. Capitolo Szczesny: “Stiamo provando a trattenerlo rinnovando il prestito con l’Arsenal. Ma non abbiamo un problema portiere, abbiamo preso Alisson che è un grandissimo e abbiamo ancora De Sanctis e Lobont. Siamo tranquillissimi”.

DOVREMO COMUNQUE DAR FASTIDIO ALLA JUVE – Spalletti comunque è sicuro che la Roma possa disputare un’altra stagione da protagonista: “Quando si allena una grande squadra, non si può giocare sul fatto che l’erba del vicino è sempre più verde. Dobbiamo poter ambire a posizioni importanti e fare la guerra attraverso altre strade. La Juve è veramente fortissima, guardando le rose è la più forte di tutte. Ma noi dovremo farci trovare pronti a darle fastidio. Ci sono altre strade per creare problemi alla corsa della Juve e noi dobbiamo essere bravi a trovarle. La carta del gioco, di essere squadra, come abbiamo visto con la Nazionale, la puoi giocare contro chiunque e ti può mettere nelle condizioni di vincere contro chiunque. Ho visto in crescita molti giocatori e da lì dobbiamo ripartire. Chi giocherà nella Roma deve aspettarsi che io gli tirerò il collo perchè la Roma deve essere pronta a fare ancora meglio. Ci sarà una ricerca quotidiana dell’essere sempre al massimo, sempre pronti all’impossibile”.

A
DE ROSSI PIACE CONTE? PROVERÒ A IMITARLO… – In Francia contro Belgio ha giocato positivamente in nazionale De Rossi, che ha speso belle parole per i metodi di allenamento di Conte. Ma da parte di Spalletti nessuna gelosia: “Daniele è sempre sincero e dice sempre la verità, se uno è più bravo di noi è bene che venga detto. Ci racconterà quello che ha fatto e useremo gli stessi sistemi…”.

La Repubblica