Roma, Pjanic: “Barcellona non sarebbe una cattiva destinazione…”

1 PJANIC

James Pallotta, la prossima settimana, sarà a Roma, e tra le prime voci nell’agenda del presidente c’era sicuramente il rinnovo di Miralem Pjanic. Che diventa ancora più urgente, dopo l’occhiolino fatto dal bosniaco al Barcellona: “Con così tanti buoni giocatori sarebbe facile intendersi in campo – confessa Pjanic in un’intervista nella trasmissione web “La Mi-Temps de Sidney”, dell’ex Lione Sidney Govou –. Al loro stile di gioco, come a Roma con Rudi Garcia, mi adatterei molto bene. È là che potrei dimostrare il meglio delle mie qualità. Non sarebbe una cattiva destinazione sia come città sia come clima…”. 

PARIGI — A Pjanic viene chiesto anche del PSG: “Il Paris Saint-Germain è una buona squadra, è straordinario quello che sta facendo. Non dimentico che la mia prima partita da professionista e il mio esordio col Metz (nell’agosto del 2007, ndr) è stato proprio contro di loro. Non si sa cosa può riservare il futuro, certo il Psg oggi è qualcosa di molto interessante. È un club che si appresta a vincere la Champions League, e che sarà tra le dieci migliori squadre in Europa. E per un giocatore è importante vincere titoli”. 

ROMA — Dopo le parole che faranno preoccupare più di un tifoso romanista, ecco quelle dolci su Roma e la Roma: “I tifosi della Roma non hanno davvero nulla a che vedere con quelli francesi. Vivono per il loro club, ogni giorno parlano solo della loro squadra e questo mi piace. È la stessa passione che c’è nel mio paese. Vincere un titolo qui è come vincerne dieci al Milan o alla Juventus. E io ho veramente molta voglia di vivere tutto questo…». Ma per viverlo, dovrà rinnovare il contratto, e resistere alle tentazioni di Barcellona e Parigi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT