Roma-Inter 2-1: gol di Dzeko, Banega e Manolas

Presentato a Trigoria il neo acquisto Giallorosso KOSTAS MANOLAS(fotoTedeschi)

Stavolta a Frank De Boer non riesce il riscatto post Europa League. All’Olimpico vince la Roma, che si rilancia in classifica, sorpassa proprio i nerazzurri e avvicina il Napoli al secondo posto. Merito della rete di Manolas al 31′ del secondo tempo, quattro minuti dopo che Banega aveva pareggiato i conti aperti da Dzeko nel primo tempo. Esulta Luciano Spalletti, che in casa vince la quarta gara su quattro in campionato in fondo a una partita giocata a mille all’ora da tutte e due le squadre.
QUANTE OCCASIONI — L’Inter è quella annunciata, nella Roma Spalletti si mette a specchio con il 4-2-3-1, tiene fuori a sorpresa Nainggolan (al suo posto Florenzi come incursore) e rilancia Dzeko dall’inizio, dopo le critiche per i gol falliti domenica scorsa a Torino. E proprio il bosniaco, al 5′, manda subito avanti i giallorossi: Salah innesca la sovrapposizione di Peres, cross basso, il centravanti fa il movimento sul primo palo e con il piattone mette dentro l’1-0, scatenando la reazione di De Rossi: “Ora criticate sto c…, pezzi di m”, dice il centrocampista giallorosso in riferimento alle contestazioni piovute sul compagno di squadra. E’ una partita senza sosta, alla fine del primo tempo si conteranno dieci tiri nello specchio della porta, di cui un gol e due pali. La Roma potrebbe raddoppiare già al 6′: Perotti ruba palla all’ex compagno Ansaldi, da lì a Dzeko, ma il cross sul secondo palo per Salah è lungo. Al 9′ la chance più grande del primo tempo per l’Inter: Manolas perde un brutto pallone in uscita, Banega lo riconquista e dai 20 metri stampa il suo destro sul palo, a Szczesny battuto. Neppure un minuto e siamo dall’altra parte: è il 10′, da Dzeko a Salah, pallone per l’accorrente Peres che allarga troppo il destro in corsa. Le difese sono in difficoltà, i due centrocampo non fanno filtro, la Roma gioca molto sulle folate di Salah, che al 21′ in campo aperto, tutto solo davanti ad Handanovic, sceglie di tirare con il sinistro cogliendo il palo esterno. Al 22′ la replica dell’Inter: tiro cross basso di Perisic su cui c’è bisogno di un ottimo intervento di Szczensy. Minuto 32, ancora un’occasione: è nerazzurra, la divora Candreva che in mezza rovesciata mette fuori un cross di Perisic. Tra il 39′ e il 41′ si riaffaccia la Roma: prima Perotti sbaglia la scelta del tiro, provando la conclusione a giro invece di puntare l’ammonito Ansaldi. Al 41′ è Florenzi, innescato da un bel pallone di Juan Jesus e arrivato a tu per tu con Handanovic, a strignere troppo il tiro di destro. Un minuto e siamo dall’altra parte: Banega vede un corridoio per Ansaldi, cross basso salvato sulla linea da Manolas, poi sul tiro di Candreva è prodigioso Szczesny in angolo, sugli sviluppi del quale Miranda mette fuori di testa da ottima posizione un’assistenza di Perisic. Ancora Roma al 43′: Dzeko va in azione personale, si costruisce bene la confusione con il destro che Handanovic blocca in due tempi. In pieno recupero rischia la squadra di Spalletti: De Rossi perde un pallone comodo in uscita, dopo qualche rimpallo la palla arriva a Perisic che gira centralmente.
GRECO DECISIVO — Nel secondo tempo all’8 doppia occasione, la prima per la Roma con un destro di Perotti respinto da Handanovic, la seconda per Perisic, il sui sinistro è deviato in angolo da Szczesny. La Roma ci riprova al 14′: Strootman innesca Salah sulla destra, cross col mancino dell’egiziano e sul secondo palo è lo stesso olandese a chiudere fuori il colpo di testa. Poi la squadra di Spalletti abbassa troppo il baricentro. De Boer inserisce Gnoukouri per un appannato Joao Mario e poi Nagatomo per Ansaldi. Il gol nerazzurro è nell’aria e arriva al 27′: da Banega a Icardi che fa l’unica cosa buona del suo match, chiude il triangolo al connazionale, che controlla con il destro e con il sinistro batte Szczesny. La Roma pare accusare il colpo, nel frattempo Spalletti aveva inserito El Shaarawy per Salah. Poi Peres conquista una punizione dal limite dopo un fallo ingenuo del neo entrato Jovetic: cross di Florenzi, colpo di testa a centro area di Manolas deviato dalla testa di Icardi, nulla può Handanovic. La reazione dell’Inter è a questo punto debole. Anzi è la Roma ad andare vicina alla terza rete con Dzeko, dopo un’altra punizione-cross di Florenzi. A nulla vale l’ultimo assalto nerazzurro, con un doppio calcio d’angolo battuto con Handanovic alla ricerca disperata del pareggio in area avversaria. Vince la Roma, che aggancia al terzo posto Milan, Chievo e Lazio e dimentica nel migliore dei modi la sconfitta di Torino di sette giorni fa.

La Gazzetta dello Sport