Roma-Atalanta, Garcia: «Siamo guerrieri. Ripartiamo dai tre punti»

La Roma in ritiro a  Bad Waltersdorf  (Austria)

ROMA«Dopo il Barcellona ho parlato con la squadra. L’insoddisfazione e la delusione erano alte ma ora dobbiamo mettere tutto nella partita di domani dimostrando che il gruppo ha saputo reagire. L’Atalanta? Giochiamo in casa, siamo arrabbiati, vogliamo continuare il buon percorso in campionato. Vincere ci porterebbe ancora più in alto, e solo dopo aver vinto penseremo a vedere le altre partite. Domani saremo più forti, spinti dai nostri tifosi, per continuare a cercare di raggiungere i nostri obiettivi. Spero che i nostri tifosi e soprattutto la Curva Sud torni all’Olimpico, ero fiero di vedere i tifosi a Barcellona seguire la squadra. Mi dispiace, anche la squadra era col morale sottoterra. A Barcellona abbiamo avuto la possibilità di fare tre gol in più, ma anche di prenderne tre in più. Sapevamo che la gara con il Bate era decisiva ed era meglio non prendere espulsioni o infortuni. Era un po’ complicato fare la partita con questo atteggiamento. Comunque a parte il primo tempo di Borisov non vedo grossi errori da parte della squadra. Siamo in alto in classifica e a 90 minuti, 95 dalla qualificazione in Champions League». Così Rudi Garcia alla vigilia della sfida con l’Atalanta.

SQUADRA DI COMBATTENTI. DE ROSSI DISPONIBILE – «In difesa possiamo fare meglio, lo abbiamo dimostrato nell’ultima gara in casa quando non abbiamo preso gol. Ma a me va bene anche vincere tutte le partite 3-2 – continua il tecnico – l’equilibrio va trovato con la continuità. Non serve a nulla tornare sulla partita del Barcellona. Guardo sempre al futuro. Non c’è tempo per piangersi addosso, siamo dei combattenti, la squadra ha personalità e nelle difficoltà ha dimostrato di saper reagire. De Rossi ha recuperato al cento per cento. Non potevo rischiarlo a Barcellona, dove ci è pesata molto la gara di Bologna. Ma la squadra ora sta bene. Siamo in corsa per tutti gli obiettivi».

CORRIEREDELLOSPORT.IT